Post

61° SALONE NAUTICO A GONFIE VELE

Immagine
Un   Salone Nautico   a Genova   già sold out dal mese di giugno, uno specchio del mercato per i quali i dati confermano un trend di crescita molto sostenuto. Il risultato dipende dall’autorevolezza acquisita con la manifestazione tenutasi durante la pandemia, organizzata in presenza ed in sicurezza in Europa. Un collaudato format multi-specialistico che si è sviluppato su una superficie di oltre 200.000 mq, con l’85 % delle aree completamente  all’aperto, ospitando oltre 1.000 imbarcazioni. Un grande contributo  è  stato apportato dall’abbattimento del muro di passeggiata tra la banchina C e la Banchina E che ha modificato la centralità del Salone Nautico. A trarne beneficio la superficie disponibile a terra che   è aumentata del 14 %, Anche la superficie disponibile in acqua è aumentata del 19 % con il completamento di una nuova darsena ormeggi per le imbarcazioni fino a 15 metri. “Remiamo tutti dalla stessa parte nel 2023 avremo il Salone Nautico più bello del mondo”, ha affermato 

Anversa e il Museo della Moda

Immagine
 Il  MoMu, ovvero il Museo della Moda di Anversa ha  riaperto i battenti  con un una veste rinnovata ed ampliata. Questo implica un potenziamento dell’intero fashion district per la città che da sempre guarda al futuro. Si tratta di 800 mq aggiuntivi, con 3 nuove sale destinate alle mostre temporanee e una nella quale trova spazio la collezione permanente ; un prestigioso caffè che ha il  nome Momu Cafè by Graanmarkt 13, una nuova veste della Museum Library e il nuovo Auditorium. Il tutto  con un messaggio di consapevolezza e responsabilità  della moda perché il settore è sempre più attento alla sostenibilità. Passeggiando per le strade si notano immense sfere colorate posizionate in luoghi iconici. Le fashion balls sono state realizzate dall’associazione Kunstenlab in collaborazione con il Dipartimento di Moda dell’Accademia Reale delle Belle Arti di Anversa, il cui direttore è Walter Van Beirendonck, di fama internazionale, ed ex allievo dell’Accademia. Chiunque può entrare   nelle s

Un safari diverso (guest post)

Immagine
                                                                    Pubblichiamo una  interessante esperienza di viaggio propostaci E iniziato tutto leggendo un articolo in un libro che raccontava di trek indimenticabili ed in particolare di safari a piedi e di quanto fosse stato emozionante. Infatti invece di essere solo spettatore che osserva gli animali in tutta sicurezza e distanza a bordo di una jeep, diventi veramente partecipe del safari, mettendoti allo stesso livello della fauna che ti circonda.  Era da un po’ che volevo fare un safari e l’idea di farlo a piedi mi intrigava. Con un minimo di ricerca su internet, ho scoperto che il paese ideale era lo Zambia e in particolare i parchi nazionali del Nord e Sud Luangwa. Sono parchi ricchi di tutte le specie di animali che uno desidera trovare e soprattutto hanno le migliore guide, gli unici in tutta il continente africano a seguire una formazione specifica per i safari pedestri. Sempre su internet ho trovato anche un’agenzia speci

Super Salone del Mobile a Milano

Immagine
Il capoluogo meneghino ha recuperato la sua centralità nell’ambito   delle fiere e in particolar modo per quanto riguarda il Salone del Mobile che anima la città donandole il dinamismo che la pervade. Dal 5 al 10 settembre sono 425 i brand , 1.900 i progetti, nei primi quattro padiglioni di Fiera Milano, Rho su una superficie di 68.520 mq, una rassegna cinematografica in collaborazione con il Milano design Film Festival, quattro food court ideate da Identità Golose e una grande mostra dell’ ADI/Compasso d’Oro . Si parla di Super Salone affidato a Stefano Boeri e a un gruppo internazionale di coprogettisti, ha una triplice chiave di lettura: ripartenza, sicurezza,   sostenibilità; a ciò si affianca la sua nuova dimensione   ed esperienza digitale.Vengono raccolte le migliori ricerche, produzioni e sperimentazioni realizzate ma nello stesso tempo ci si proietta verso il futuro, rappresentando un momento di visibilità corale e di rilancio per il settore dell’arredo e del design. Per rea

Genova jeans

Immagine
Una stoffa che ha fatto la storia del capoluogo ligure, il jeans è stato il protagonista di un’originale mostra tenutasi a Genova dal 2 al 6 settembre 2021. I luoghi sono stati presentati con una guida d’eccezione, la presidente del comitato della manifestazione Manuela Arata che ha fatto partire il tour dalla Biblioteca universitaria. Tanti gli   eventi fra cui dibattiti, incontri e spettacoli che hanno fattoilluminare di blu la Lanterna e le vie del centro storico  adeguatamente pattugliate dalle forze dell’ordine. La sopracitata organizzatrice ha tenuto ad affermare . “ Nasce la via del jeans- vogliamo fare come gli inglesi a Carnaby street quarant’anni fa. Via Pre, via del Campo e via San Luca   offrono mostre di questo tessuto, vogliamo attrarre artigiani, commercianti, imprenditori per farne un hub turistico e culturale”. Ci si tiene a precisare che la parola jeans deriva da Genova, come dice anche il dizionario  Oxford. Presso la Biblioteca universitaria è stata offerta l’esposi

Istria in ogni stagione

Immagine
                                                                                                L’Istria  è una terra con oltre tremila anni di storia, che presenta tanti aspetti particolari in ogni stagione con un’esplosione diversa di colori, tradizioni affascinanti e un entroterra ricco di storia con pittoresche località come Umago, Cittanova, Parenzo, Rovigno, Pola. La storia di quest’ultima iniziò con il mito degli Argonauti e la ricerca del vello d’oro, passando attraverso il periodo degli Istri, dei Romani e dei veneziani. Più tardi essa divenne il principale porto austriaco, fino ad arrivare ai giorni nostri, con la                                                                                             posizione strategica di maggior centro culturale ed economico del territorio. Differenti livelli di storia si intersecano facendo coesister e templi romani con palazzi in stile barocco, chiese paleocristiane e mura medievali.  L ’Istria è un’ampia penisola del mar Adriatico,

Il Parco Delta del Po e i suoi tesori

Immagine
Il Parco Delta del Po è un comprensorio naturalistico che  si estende su una superficie di oltre 66.000 ettari e copre ben due regioni. Un’infinità di suggestioni paesaggistiche che includono, da una parte, a nord del grande fiume Po, il Parco Regionale del Veneto e dall’altra, verso meridione, il Parco Regionale dell’Emilia Romagna.  Lussureggianti pinete, valli d’acqua dolce e salmastra antiche vestigia di insediamenti etruschi e romani, mosaici bizantini e  uno straordinario esempio di biodiversità che ha fatto sì che questi luoghi fossero designati nel  1999 Patrimonio Mondiale dell’Umanità.  Ci sono oltre 300 specie di uccelli di cui oltre 150 nidificanti e più di 180 svernanti ,nei boschi, come quello della Mesola, in cui  scorrazzano cervi , fenicotteri e cormorani, circondati da canneti con piccoli villaggi di pescatori legati alla raccolta delle vongole o delle anguille come a Goro e Comacchio. Veri e propri paradisi per gli appassionati di birdwatching. Ci sono svariati itin

Parco dei Monti Sibillini, magico per natura.

Immagine
Secondo la leggenda, la Sibilla, illustre profetessa, pare vivesse nell’antro sull’omonimo monte, verso il quale si dirigevano negromanti e cavalieri erranti che giungevano da tutta Europa dopo faticosissimi viaggi, per carpire qualche oracolo dalla medesima. Si tratta di paesaggi unici che rapiscono per le bellezza dei colori delle colline dalla Valle di Camerino, al verde dei Monti della Laga o l’azzurro dell’Adriatico. Si possono svolgere diverse tipologie di vacanze dalle  escursioni a piedi a quelle in  mountain bike sul grande Anello dei Sibillini, un itinerario di 174 chilometri percorribili in 4 o 5 giorni, per quasi 8000 metri di dislivelli. I percorsi stradali formano una rete di ben 450 km, suddivisi fra la Grande Via del Parco che è un tracciato ad anello di oltre 190 km in quattro tappe: si va da Visso a Fiastra , da qui ad Amandola e poi fino ad Arquata del Tronto, per poi ritornare a Visso. Si tratta di un filo rosso che congiunge 6  itinerari, anche questi ad anello. So