Post

Visualizzazione dei post da 2014

13° Censimento dei ciclisti milanesi

Immagine
Lunedì, 22 dicembre 2014, quasi fosse un regalo di Natale, è stato presentato presso la sede di ChiamaMilano, in via Laghetto , il 13° censimento dei ciclisti milanesi promosso da Fiab MilanoCiclobby. Grazie ad una collaborazione con il Comune  e Amat (Agenzia mobilità  Ambiente e Territorio) è stato possibile incrociare i dati con quelli registrati dalle telecamere di Area C. La tendenza  degli ultimi tre anni dimostra un dato stabile di passaggi all’interno della cerchia dei Navigli, in una giornata  se ne verificano 34.100. Si tratta prevalentemente di sppecializzazione degli itinerari. Si può a buon diritto confermare il successodegli anni scorsi ottenuto dal servizio del Bike Sharing, che si  è  maggiormente rafforzato: più del 13 % delle bici rilevate in centro appartengono al servizio pubblico, con un picco nella postazione di largo Augusto. Più di un ciclista su 10 utilizza la bici “gialla”. Per  approfondire  la situazione nell’asse privilegiato della ciclabilità, fra corso B…

Cibarsi di festa nelle Social street

Immagine
Essere accolti con un sorriso e la gioia di sentirsi chiamare per nome, superando le diffidenze e l’anonimato che pervade la fredda metropoli. Questa è stata la piacevole sensazione avuta partecipando all’evento organizzato da Lucia Maroni, promotrice di “Via Maiocchi e dintorni”, uno dei fenomeni di aggregazione che maggiormente stanno animando le vie e i quartieri di Milano, suscitando grande interesse. Una aria conviviale, all’insegna dell’interscambio ludico-ricreativo: giochi e laboratori per bimbi, tesi Abbiamo scoperto di essere molto diversi ma di avere tante cose in comune”. Tante le frasi scritte sui volantini distribuiti in Zona 3, che sintetizzavano lo spirito della sopracitata social street che, con una grande festa, ha voluto festeggiare il suo primo anno di vita.all’apprendimento di tecniche che favoriscano creatività, abbinati a buona musica, leccornie da condividere.“ I negozianti hanno partecipato gioiosamente mettendo a disposizione per la lotteria: buoni pizza, consu…

Omaggio al Food labour

Immagine
Soffermandomi su quelle belle immagini di lavori agricoli, mi rammentavo le caldi estati  trascorse dagli zii, in Irpinia durante l’infanzia. Che gioiosa fatica partecipare alle attività stagionali della trebbiatura o della raccolta di patate e pomodori, tastando i prodotti della terra come doni offerti da una natura benigna.

Forse per questo motivo sorridevano i tanti Lavoratori del cibo, ritratti dal fotografo Silvestre Loconsolo, che dice di aver voluto  ricordare suo padre bracciante nelle distese cerealicole del foggiano. Si tratta di  una mostra, promossa dal Comune di Milano, con il contributo della Regione Lombardia e di CGILFLAI (Federazione Lavoratori  Agroindustria), in omaggio al tema di Expo 2015 “Nutrire il pianeta. Energia perla vita”, allestita presso gli spazi espositivi di Palazzo Moriggia-Museo del Risorgimento, fino al 29 marzo 2015.  La finalità di questo  racconto attraverso fotografie, parole e documenti è quella di far conoscere l’identità culturale lombarda a…

Il Pranzo di Natale fra storia e letteratura

Immagine
Molteplici sono i riti e le usanze che si tramandano nel modo di festeggiare il Natale con il pranzo o la cena della Vigilia. Quest’ultima si configura come attesa e transito verso il mistero che entra nella storia dell’umanità e, nel mondo occidentale, la valenza simbolica ha assunto una connotazione festosa con scambio di regali allo scoccare della mezzanotte. I piatti della tradizione, sulla base del precetto liturgico,  del digiuno o dell’astensione dal consumo di carne, prevedono piatti a base di ortaggi o prodotti ittici. Una particolare predilezione è quella dell’anguilla, diffusa in tutti i corsi d’acqua e quindi facilmente reperibile. Il pranzo di Natale, teso a celebrare valori universalmente condivisi, deve essere ricco ed abbondante, a seconda delle regione d’appartenenza: capitone, tacchini o capponi, la fanno da padroni. Uno spaccato della vulgata popolare è quello  messo in scena da Eduardo De Filippo, in “Natale in casa Cupiello”. Presso la Biblioteca Sormani di Milano…

Natale ogni giorno!

Immagine
Ogni anno, con sempre maggior anticipo, capita di assistere ai preparativi per gli addobbi natalizi: maestosi alberi, sontuose vetrine drappeggiate e, soprattutto, luminarie con fogge di ogni tipo, si va da quelle semplici, a stella, fiocco o pacco-dono, a quelle più sofisticate che rappresentano Babbo Natale con la slitta. Stranamente mancano, chissà perché, quelle a forma di banconota, soggetto che riveste il tema dominante di queste feste, inneggianti allo spreco e al consumismo più esasperato. Si spende per l’opulento banchetto, per l’eccentrico abbigliamento da sfoggiare al cenone, per i doni di ogni sorta da elargire, a guisa di status symbol, così come per la vacanza esotica o in luoghi mondani. L’affannosa corsa all’acquisto che connota questo periodo, fa pensare ad un mal dissimulato tentativo di colmare un preoccupante vuoto interiore che richiederebbe  ben altri valori rispetto a quelli pecuniari. Non per niente si nota un diffuso desiderio di recuperare antiche tradizioni …

L’Avvento del Tirolo, “Cuore delle Alpi”

Immagine
Preannuncio  del Natale nel  Tirolo, con antiche tradizioni che accendono  fiaAvvento inTirolo, sostenuto dallaTirol  Wergbun(Ente regionale per il Turismo) e dalla Camera di Commercio,promuove i centri di Hall, Innsbruck, Kitzbuhel, Kufstein, Lienz, Mayrhofen, Rattenberg e St. Jojann, secondo rigorosi criteri che ne garantiscono la qualità e l’eccellenza.  A partire dal I week end dell’Avvento tutti i mercatini dell’avvento aprono i battenti, con circa 480 bancarelle, quello di Innsbruck , il più importante, ne ha 200 e  apre a metà novembre; nel 2013 sono stati registrati 1,3 milioni di visitatori, di cui il 70% italiani.
besche atmosfere che si tramandano da tempo immemorabile. Una vera e propria chicca di origine alpina sono i  mercatini, dal 2009 l’ Il recente viaggio stampa,  mi ha dato la possibilità di immergermi in tale dimensione onirica scoprendo magnifiche sensazioni . Prima tappa Lienz, girovagando fra i mercatini: un effluvio di  profumi intensi di incenso misto a cannell…

La rivoluzione gentile in bicicletta

Immagine
Il 13 dicembre verrà ricordato, oltre che per la festività di S.Lucia, come data storica per l’apposizione della targa  commemorativa sul Naviglio della Martesana, in onore di Gigi Riccardi, scomparso prematuramente nel 2008. Già insignito di Benemerenza civica del Comune di Milano, con la seguente motivazione:”Da 25 anni, con garbo, tenacia e determinazione, promuove la cultura della bicicletta pungolando i pubblici amministratori e i
cittadini con incontri, seminari, manifestazioni, studi, pubblicazioni. Punto di riferimento irrinunciabile per quanti sognano e costruiscono una metropoli più sana, più umana, più respirabile, più percorribile.”
Per noi tutti cicloamatori milanesi,  è stato un personaggio carismatico, che ha fondato nel 1986 l’associazione Ciclobby, tesa a  portare avanti le istanze del “mondo della bicicletta. Inizialmente nata in sordina, la passione delle due ruote è confluita in un movimento organizzato che si batteva per la creazione di piste ciclabili, per la riv…

Trek e bici al Santuario della Madonna della Guardia

Immagine
Una calda giornata novembrina celebra degnamente gli echi di un’estate di leggendaria memoria, che ritempra i viandanti emuli del buon cavaliere Martino. Lungo i sentieri che conducono da Pontedecimo al Monte Ficogna, a circa 800 metri di altitudine, sagome di alberi scuri fanno da cornice a dolci paesaggi sovrastanti lo scintillante mare ligure. Il Santuario di Santa Madonna della Guardia, patrona di Genova ,si erge in maniera solenne facendo godere a coloro che lo visitano una splendida vista panoramica sul golfo,sui celebri Forti, su buona parte della Riviera di Ponente e sulle Alpi Marittime. Pellegrini di ogni sorta, fra cui bikers, trekkisti e scolaresche schiamazzanti,si avvicendano , infrangendo la coltre di silenziosa aria mistica che avvolge la Basilica. Quest’ultima fu costruita come punto strategico per l’osservazione di navio di eserciti militari. Lo sguardo dei più assorti, che si ritemprano dopo la fatica dell’ascesa, si perde lontano alla ricerca del sapore di una vetu…

Eyesopen!

Immagine
Folla di fotoestimatori pressola LeicaGalerie di Milano, in Piazza Duomo per la presentazione del nuovo magazine di fotografia, EyesOpen! Il numero zero, configurato come opera da collezione in tiratura limitata e numerata, nasce da un’idea di Barbara Silbe, direttore responsabile, e Manuela Cigliutti, direttore creativo e photoeditor, entrambe fondatrici dell’omonima associazione culturale. La foto di copertina: un paio di occhi chiari, intensi, come due spilli puntati lì di fronte, e tutt’intorno un intreccio di rughe, e macchie e segni e capelli bianchi a raccontare un’età, una vita.L’intento della neo-nata pubblicazione
è quello di ricercare nuovi talenti e di creare delle connessioni nella comunità delle fotografia e con altre arti, prime fra tutte la letteratura. Il punto esclamativo rappresenta un’esortazione a restituire entusiasmo alla fotografia, tenendo bene aperti gli occhi, verso la continua ricerca della qualità. Ogni nuovo numero avrà un tema unificante, si parte con “…

Magiche armonie di una Notte davvero speciale

Immagine
Voglia di Natale, di significati autentici che “scaldano” il cuore. Il sapore di questa festa lo si avverte già alla fine dell’estate, quasi si volesse cercare un ideale sostituto di quel benefico tepore spirituale che le avversità climatiche, e non solo quelle, sembrano voler negare all’animo umano. Desiderio di ritornare bambini, di avere un’atmosfera magica che riporta indietro nel tempo quando bastava poco per sentirsi appagati, o beatamente estasiati dinanzi alle fioche luci di uno stentato alberello o alle statuine di un grazioso presepe, allestito in un angolo di modeste casette. Ora tutto risulta esageratamente sfarzoso come i faraonici addobbi, le sontuose libagioni, i costosissimi regali, gli immancabili viaggi, come una sorta di meritato premio a suggello di un periodo festivo, divenuto simbolo di preparativi affannosi, se non addirittura alienanti. Rimanecomunque suggestivo il senso dell’attesa ...scandito dalla sublime armonia della musiche e dei canti natalizi che paion…

Translate :