Periferie d’autore




Le “periferie umane”, non per forza urbane, vissute come luoghi connotati dal degrado , dall’emarginazione e dall’abbandono, ma che possono divenire simbolo di un riscatto sociale, in pieno  centro città. Spazi  che sono di transito per coloro che li attraversano per ragioni di studio e di lavoro, in bilico tra un passato scomparso e un futuro che non s’intravvede. 
Le periferie con i vostri occhi”questo il suggestivo tema del concorso fotografico, rivolto a giovani di età compresa fra i 18 e i 35 anni, organizzato da Algomas, con il Patrocinio del Comune di Milano e del Consiglio di zona 3. L’idea è  stata quella di far raccontare, tramite le immagini, come cambiano i luoghi e come vengono percepiti da chi li frequenta abitualmente. Il metodo utilizzato photovoice, uno strumento caro alla psicologia di comunità che, promuove il dialogo fra cittadini e istituzioni  per ottenere dei significativi mutamenti nel modo di vivere. La fotografia viene utilizzata nei quartieri, per evidenziare ostacoli, criticità ma anche le risorse e i punti di forza su cui fondarsi. Quindici le foto selezionate, fra circa un centinaio di quelle partecipanti, e premiate presso l’Auditorium Valvassori Peroni.  In molte di esse si nota la ricerca di riferimenti geometrici come quello della stazione di Lambrate, con i suoi “Tracciati”, o “Ascensione”, dell’inferriata sul “Ponte dell’Ortica” , o la regolarità architettonica in“Simmetria urbana” relativa al Parco Maserati. In un paio di immagini sono stati ritratti angoli che, oltre alle poche persone in primo piano, anziani o senzafissadimora,  come sulle panchine di “Panta rei”, riportano scritte sui muri o giganteschi murales, molto suggestiva di piazza Oberdan e via Pacini. Una realtà apparentemente immobile, come quella di piazza Leonardo da Vinci ma che diventa animata allorchè viene ritratto uno scontro fra studenti e Forze dell’Ordine. Bellissimi i contrasti cromatici, l’intensità dei chiaroscuri, particolare anche l’accostamento di più tecniche come nelle due foto relative a via Spallanzani. La mostra sarà itinerante e si spera funga da stimolo creativo per ulteriori esperienze tese allo sviluppo di consapevolezza atta al miglioramento qualitativo del vivere quotidiano.
                                             
                                                             
                        Giuseppina Serafino

Commenti

Post popolari in questo blog

Dolcissimo Natale

Viaggio tra i borghi europei più belli

Cartoline dalle vacanze