venerdì 17 luglio 2015

Bologna Welcome

Rilanciare Bologna rendendola appetibile a varie categorie di turisti sia a livello nazionale che internazionale, questo il focus della conferenza stampa tenutasi a Milano, alla quale hanno
partecipato il  Sindaco Virginio Merola, l’Assessore all’economia e alla promozione della città, al 

turismo, Matteo Lepore, i rappresentanti di Bologna Welcome, Celso De Scrilli e Patrik Romano, 
e del  Professore dell’Università di Bologna, Roberto Grandi. 
Per la prima volta una città viene contraddistinta da un logo generativo di vari significati riconducibili alla  sua memoria storica: “City of Food”, “City of Culture” e “City of Motor”. La crescita turistica ha fatto registrare nel periodo 2009-2014 un aumento medio delle presenze del 5%, a fronte di una media nazionale del 2,5%; accanto alla tradizionale vocazione per il turismo business, legato alla fiera e 
al comparto congressuale, la presenza dei turisti stranieri, nei mesi  tra giugno e settembre, è cresciuta del 90% negli ultimi 5anni. Fondamentale sia per i risultati che per l’implementazione della strategia futuri, è il ruolo dell’aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna che a fine marzo 2015 è risultato il 6°aeroporto italiano. Il ruolo di Bologna come capitale enogastronomica d’Italia sarà ancor più rafforzato con l’apertura di FICOFabbrica Italiana Contadina/Eataly World, uno straordinario 
progetto che nasce per la divulgazione dell’agroalimentare: un parco tematico di 80.000 mq, con 9.800mq di botteghe e mercati, 
oltre 40 laboratori di trasformazione della materia prima gestiti dalle migliori aziende italiane del settore, 10 aree didattiche, oltre 20 ristoranti e street food point. Da non trascurare è il rapporto con i motori: qui si trovano importanti industrie di auto, come Lamborghini e Ducati, e non lontano da Bologna, hanno voluto far crescere il loro impero  Ferrari e 
Maserati Bologna è anche una città ricca di fermento artistico e culturale, dopo che nel 2014  a Palazzo Fava è stata ospitata “La ragazza con l’orecchino di perla”, quest’anno  fiore all’occhiello è “ San Giovanni da Modena. Un pittore all’ombra di San Petronio” al Museo Civico e “da Cimabue a Morandi”, sempre a Palazzo Fava. L’autunno si preannuncia ricco di appuntamenti : dalla  Biennale Foto/Industria, fino alla tanto 
attesa mostra sugli Egizi al  Museo archeologico, passando per l’esposizione  dedicata alla dinastia Brueghel, protagonista della pittura fiamminga.“Bologna si presenta oggi, agli occhi dei turisti internazionale, come la vera essenza del Made in Italy, una città contemporanea ma ben ancorata al passato, capace di offrire ai visitatori esperienze autentiche e sostenibili. Conosciuta per la sua cucina gustosa e semplice, per 

l’ospitalità e la vivacità della sua popolazione, Bologna rappresenta anche una delle destinazioni italiane più interessanti dal punto di vista culturale. Riconosciuta nel 2006  dall’Unesco “Città della creatività musicale”,  ha da sempre un rapporto speciale con la musica, come Testimoniano il Teatro Comunale del diciottesimo secolo, ilConservatorio Martini, il Museo Internazionale della Musica  e i numerosi locali di musica dal vivo dove si può assistere a concerti di ogni genere, dal rock al jazz, dal reggae all’elettronica”, ha dichiarato Celso De Scrilli, Presidente di Bologna 

Welcome.                                                                                                Giuseppina Serafino