venerdì 4 dicembre 2015

Milano tra le stelle

Secondo i dati dell’Osservatorio di Milano per conto di Where Milan, il sistema di informazione leader nel visitor publishing, il capoluogo lombardo è sempre più una meta culturale. Nel semestre di Expo 2015 gli ingressi ai musei sono aumentati del 54%, con punte d’eccellenza come il Museo del Duomo che ha registrato un +382% di ingressi. Al secondo posto dopo l’offerta culturale si attesta lo shopping, apprezzato dall’86% dei visitatori e al terzo posto il settore ristorazione, motivo di una visita per il 76,8 % dei turisti. Il 31% di costoro opta per un soggiorno in hotel 4 e 5 stelle, tanto che la metropoli meneghina si conferma prima in Europa quanto alla crescita del comparto del lusso dove il giro d’affari nel 2015 è salito del 54% contro il +38% di Parigi. Nel corso della serata sono stati attribuiti dei riconoscimenti ai protagonisti dell’hospitaly :  Giuseppe Sala “ per aver portato il mondo a Milano e Milano nel mondo”, Francesco Paolo Tronca “per aver garantito la sicurezza di tutti i visitatori di Expo Milano 2015”. Nella sezione Premi Speciali è stato insignito il Corpo consolare di Milano 
e Lombardia, Vincenzo Di Vincenzo, Caporedattore Agenzia Ansa, Mario Furlan, fondatore dei City Angels,  la Veneranda Fabbrica del Duomo, Paola Dalla Valentina, Responsabile Info Milano, Hotel Milano Scala. Per quanto riguarda gli alberghi a 4 e 5 stelle, tra i 180 del circuito Where sono stati selezionati i migliori concierge e professionisti dell’accoglienza nella nostra città, primo fra tutti Nicola Ciccone, Capoconcierge dell’Hotel Principe di Savoia.Durante la cerimonia  è stata ufficialmente lanciata la campagna benefica “Le stelle della Solidarietà” promossa da Where Milan insieme a  Lilt Milano. La campagna vedrà i grandi hotel di lusso impegnati in una maratona di solidarietà a favore dei bambini e adolescenti in cura presso l’Istituto dei Tumori di Milano, assistiti con il progetto Case Alloggio, un servizio di accoglienza extra ospedaliero con una capacità di 250 ospiti ogni anno. Fra coloro che hanno aderito vi sono l’Hotel Principe di Savoia Dorchester Collection, Palazzo Parigi Hotel Milano, MeliàHotels International, Park Hyatt Milan, Una Hotels & Resorts, Gruppo Planetaria Hotels e Four Points by Sheraton Milan Center.

“Il 2015 è stato l’anno della svolta- ha commentato Andrea Jarach di Where Milan, che ha organizzato l’evento di presentazione dell’indagine  e dei Milan Awards, presso il 31esimo piano del Grattacielo Pirelli. “I diversi protagonisti dell’hospitality hanno cominciato a lavorare per un unico obiettivo regalandoci una città bella da vivere e completamente rinnovata nell’immagine internazionale”.
 Giuseppina Serafino