martedì 5 aprile 2016

Taste of Milano 2016

Dopo il grande successo dell’edizione celebrativa World of Expo, Taste of Milano si rifà il look. Si terrà in nuova location, da Tortona al The Mall in Porta Nuova Varesine, nella zona della città meneghina, assurta a crocevia di moda, arte e tecnologia. Taste of Milano darà il via alla prima delle tre tappe italiane del Taste Festivals che in più di 22 paesi al mondo vuole avvicinare l’alta cucina ad appassionati e non. In un contesto di eccellenza a fianco di Brand Events Italy, società che organizza i tre appuntamenti italiani (Milano, Roma e Taste of Christmas) ci sarà anche quest’anno, nelle vesti di main partner, Electrolux, leader mondiale nella produzione di apparecchiature domestiche e professionali. Per continuare a stupire il pubblico sarà riproposta la rotazione dei ristoranti per offrire un’esperienza sempre unica ed irripetibile. Gli chef milanesi 
protagonisti saranno: Roberto Okabe con Finger’s, Andrea Provenzani de Il Liberty, Yoji Tokuyoshi di Tokuyoshi, Roberto Conti del Trussardi alla Scala, Felice Lo Basso del nuovo Felix Lo Basso Restaurant, WIcky Pryian del WIcky’s, Elio Sironi del Ceresio 7, Alessandro Buffolino di Ristorante Acanto dell’Hotel Principe di Savoia, Andrea Berton del Ristorante Berton, Luigi Taglienti del nuovo Ristorante Lume e Tano Simonato diTano Passami l’Olio. La formula per gustare l’alta cucina resterà invariata: 3 portate in formato degustazione realizzate da ogni ristorante con 
prezzi variabili tra i 5 e i 7 ducati pagabili con la Card Ducati (ogni ducato corrisponde ad 1 euro), confermata la quarta portata che in questa edizione rappresenterà l’icona di ogni chef al costo fisso di 10 euro. I Trimani, vinai in Roma dal 1821, suggeriranno l’abbinamento con i piatti icona e proporranno al pubblico una carta dei vini con circa 50 etichette tra spumeggianti, cristallini e colorati che si intoneranno alla stagione e all’atmosfera elettrizzante della manifestazione. Taste of Milano diventa così un vero e proprio flavour di tanti aspetti che allietano l’arte del ben vivere: buona cucina, compagnia, ispirazioni, musica e, soprattutto, buone abitudini.            
                                                         
Giuseppina Serafino