domenica 31 luglio 2016

Bicistaffetta lungo la Ciclovia Adriatica

Torna l’annuale appuntamento organizzato dalla Federazione Italiana Amici della Bicicletta per promuovere
la rete ciclabile nazionale Bicitalia e il cicloturismo. La XVI edizione, in programma dall’11 al 17 settembre, percorrerà i 475 km del litorale medio Adriatico, dal Molise all’Emilia Romagna attraversando le coste di Abruzzo e Marche. Bicitalia, è un importante progetto di FIAB, incentrato sulla viabilità minore esistente, sul recupero di argini di fiumi e sedimi ferroviari dismessi. Bicistaffetta 2016, con partenza da Termoli e arrivo a Rimini, percorrerà il tratto centrale della Ciclovia Adriatica 6, che va da Trieste a santa Maria di Leuca, lungo un percorso di 1.300 chilometri. Tra i molteplici obiettivi della
                                                                                                   
manifestazione vi è anche quello, particolarmente ambizioso, di inserire la Ciclovia Adriatica nel grande circuito Euro Velo, curato da ECF-European Cyclist’ Federation; FIAB è centro di coordinamento del progetto in Italia. La Ciclovia Adriatica è un grande corridoio ciclabile utilizzato, nei tratti in cui è già adeguatamente attrezzato, anche per la mobilità quotidiana. Una duplice funzione che spinge a porre la sopracitata Via al centro delle politiche 
nazionali e territoriali di sviluppo turistico e di mobilità sostenibile urbana. Sono oltre 50 gli “ambasciatori del cicloturismo” già iscritti alla Bicistaffetta 2016 che ha ottenuto il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, delle regioni Marche, Abruzzo ed Emilia Romagna, e il supporto della Camera di Commercio di Chieti. Il percorso, quasi totalmente pianeggiante, tranne nelle due spettacolari terrazze del Conero e delle falesie del San Bartolomeo tra Pesaro e Gabicce, è costeggiato dalla ferrovia adriatica che consente una perfetta integrazione bici-treno. Numerosi sono gli antichi borghi arroccati su colline a ridosso del mare che si incontrano lungo il tragitto.                        
A Pesaro ci sarà la possibilità di provare la “bicipolitana”, una rete ciclabile urbana di tipo europeo di circa 80 km che ha contribuito a rendere Pesaro una delle bike-friendly d’Italia. In Abruzzo, il progetto di completamento della ciclabile regionale ininterrotta per 130 km, avrà come fiore all’occhiello, la “Via Verde della Costa dei Trabocchi”: 40 km di ex tracciato ferroviario da convertire in un tratto particolarmente suggestivo, grazie ai “Trabocchi”, le storiche macchine da pesca lignee a palafitta.                                                                                    

                            Giuseppina Serafino