sabato 15 ottobre 2016

Innsbruck, la Capitale delle Alpi

Innsbruck, capoluogo della regione austriaca del Tirolo, è stata nel 1964 e nel 1976 sede delle Olimpiadi Invernali. Con i suoi 25 villaggi d’incanto, l’Altopiano di Mieming e Tirol Mittr, ha un volume all’incirca di 2,67 milioni di pernottamenti
e 5 milioni di visitatori giornalieri all’anno. Seconda città austriaca per quanto concerne congressi e conferenze grazie ai pala congressi. CongressInnsbruck, all’ente fiere di Innsbruck e al Congresspark di Igls, ospita ben 23,700 studenti da tutto il mondo per le sue facoltà universitarie. Presenta varie attrazioni turistiche il Tettuccio d’Oro, nella
parte vecchia della città gotica, il centro storico medioevale, il castello di Ambras, il Palazzo Imperiale (Hofburg) e la Chiesa di Corte (Hofkirche). Pregevoli risultano anche il Museo dell’Arte popolare Tirolese Cultura, le gallerie
del Municipio Rathausgalerien su progetto di Dominique Perrault e,infine, il complesso museale Tirol Panorama del Burgisel, che ospita il gigantesco dipinto circolare. In tutto il mondo risuonano le celebri campane della fonderia tirolese Grassmayr. La Capitale delle Alpi, con i suoi splendidi palazzi asburgici,è anche la Capitale del divertimento sulla neve, con l’Olympia SkiWorld Innsbruck: 9 comprensori sciistici con 300 chilometri di piste, 7 tra
snowpark e funpark, anelli di fondo e 90 impianti di risalita. Nel comprensorio di Kuhtai, la località sciistica
più ad alta quota, si parte già da oltre 2000 metri e salendo di altri 1000
metri si può ammirare lo spettacolo del ghiacciaio dello Stubai. Dal 15 novembre verranno allestiti un albero di Natale, alto 15 metri, con 170.500 cristalli Swarovski, 6 mercatini, 200 bancarelle e ci saranno svariati appuntamenti con le tradizioni tirolesi dell’Avvento. Quando dall’elegante bovindo del Tettuccio d’Oro dolci melodie natalizie si diffondono per il centro
storico di Innsbruck e sullo sfondo si staglia l’innevata catena montuosa Nordkette , città e montagna si
fondono. Tra vin brulè e le tradizionali frittelle dette Kiachin, ci si aggira nei Vicoli delle fiabe, incontrando affascinanti personaggi fiabeschi a grandezza naturale che ricordano ai passanti le favole e le leggende più amate.
Il mercatino di Natale di Maria Theresien Strabe, aperto dal 25 novembre al 6 gennaio 2017, accoglie con uno stile particolarmente gioioso e cosmopolita. Sulla piazza Marktplatz, proprio in riva all’Inn, si riunisce il teatro dei burattini con la
tradizionale maschera Kasperl. Grazie allo spettacolare impianto di risalita realizzato da Zaha Hadid è possibile raggiungere in pochi minuti il mercatino panoramico sulla Hungerburg che offre una vista mozzafiato
sulla città.  Emozioni uniche da riassaporare nella cornice di un ambiente magico.
               
    Giuseppina Serafino