Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2017

Halloween e l’Irlanda spettrale.

Immagine
Tutto ebbe inizio nell’ Irlanda celtica come festa di fine estate, il cui nome era Samhain, considerato il Capodanno celtico. L’inizio della stagione più buia, era associato alla morte e all’oltretomba. I Celti accendevano falò per esorcizzare il buio e guidare gli spiriti benevoli, mentre indossavano maschere e costumi per spaventare i demoni. In quella notte inquietante, a chi bussava alla tua porta si offriva cibo per propiziarsi le anime dei defunti. Da qui la tradizione di “dolcetto o scherzetto”. Con l’avvento del
Cristianesimo sull’isola, Samhain fu ribattezzato All Hallows Eve, cioè vigilia di Ognissanti, giunto fino a noi nella forma contratta di Halloween. Così gli Irlandesi, quando furono costretti ad emigrare
oltreoceano nell’800, portarono
con sé, la loro storia e cultura, e il loro corpus di miti e leggende, Halloween compreso. Leggende ed oscuri misteri aleggiano intorno ai Castelli d’Irlanda come il duecentesco Malahide Castle che conta

addirittura cinque fantasmi, incl…

Alsazia unica ed irresistibile

Immagine
L’Alsazia presenta una molteplicità di aspetti che la rendono una meta irresistibile: maestosa con i suoi castelli arroccati, selvaggia con le sue foreste infinite, gourmande e ricca di sapori, con una “famiglia” di stellati che è la più grande di Francia, una Strada dei vini, scandita dai suoi 50 Gran Cru.Un edificio millenario rende unico l’Alsazia, ossia la cattedrale di Notre Dame di Strasburgo,
gioiello della grande Ile, inserito nel Patrimonio mondiale dell’Unesco nel 1988.
 L’aggiunta di una nuova vetrata nel 2015 , ha contrassegnato la sua storia poiché si tratta di un’opera d’arte contemporanea, spettacolare, collocata nella Cappella Sainte-Catherine, che rappresenta il viso di Cristo, con oltre 200 ritratti fotografici di gente di Strasburgo. Dall’alto dei suoi 142 metri , la cattedrale vigila benevolmente sul quartiere di “La Neustadt”.
Uno straordinario scenario urbano contemporaneo inserito da luglio 2017 nella lista Patrimonio mondiale dell’Unesco, in aggiunta al marchio…

L’Italia raccontata ballando

Immagine
Una storia dell’Italia piacevolmente raccontata ballando su un palcoscenico senza proferire alcuna parola al Teatro Menotti di Milano. Un ritmo travolgente che si è snodato dipanando una storia di circa 60 anni, con canzoni e musiche che rievocano periodi caratterizzati da mode, eventi bellici, fattori di costume. Bravissimi gli attori a destreggiarsi nelle mimiche facciali e nella gestualità durante le
molteplici acrobazie che lo spettacolo “Le Bal. L’Italia balla dal 1940 al 2001” prevedeva. La pista di una balera in cui si intrecciano frammenti di vita individuali specchio di una realtà più ampia in cui è la Storia del nostro paese a farla da padrona e la musica ne scandisce l’evolversi. Un viaggio che parte dagli anni trenta, passando per la seconda guerra mondiale: la liberazione, il boom economico, le
lotte di classe, la corruzione, la gioia della vittoria dei mondiali che unisce tutti indistintamente, il degrado, la paura dell’undici settembre e la riconquista dei valori, dell…

Host Milano dà spettacolo

Immagine
Tanti gli spunti e gli eventi organizzati durante i cinque giorni di Host Milano sulle nuove tecniche di lavorazione di comunicazione, la formazione e l’apprendistato dei giovani, le sfide fra grandi professionisti a livello internazionale. La ristorazione, gli arredi, il design sono sempre più considerati delle forme d’arte in cui è protagonista assoluta la creatività.Una vera e propria installazione d’artista è stata EXIHS-Excellent Italian Hospitality Services, ideato da davide Rampello e sviluppato dallo studio Dante O.Benini Partners & Architects . In questo spazio acqua, aria, colori e materie prime della terra dialogano in un caleidoscopio di elementi basato sulla capacità di evocare emozioni e riflessioni. Un vero e proprio concept, completato da un’area dedicata al living e alla sosta, dove il concetto di ospitalità intesa come spazio lascia il posto alla funzione, legata alla convivialità.
Quest’anno per la prima volta EXIHS diventa itinerante poiché sarà ospitato nella …

"Il mondo fuggevole di Toulose Lautrec"

Immagine
Il Palazzo Reale di Milano celebra fino al 18 febbraio una grande monografica che racconta l’intero percorso artistico di Henri de Toulose- Lautrec (1864-1901). In mostra sono esposte 250 opere di Toulose-Lautrec, con 35 dipinti oltre a litografie, acqueforti e affiches, provenienti dal Musée
Toulose-Lautrec di Albi e da importanti musei e collezioni internazionali come la tate Modern di Londra, la National Gallery of Art di Washington, il Museum of Fine 
Arts di Houston, il MASP (Museu de Arte 
di San Paolo), e la BNF di Parigi,
oltre a diverse storiche collezioni private. Sarà possibile ammirare anche la serie completa di tutti i 22 manifesti realizzati da Toulose-Lautrec, accompagnati da studi e bozzetti preparatori dell’artista “Maledetto”.Si tratta di ritratti dei personaggi e del mondo dei locali notturni di Montmartre, dal Moulin de la Galette al Divan Japonais, dalla celebre Goulue a Jane Avril. Considerata la conoscenza da parte di Toulose-Lautrec dell’arte e della cultura gia…

Sulle tracce delle streghe in Val Antigorio

Immagine
Un trekking in una calda giornata ottobrina in Val d’Ossola per ritrovare le tracce di streghe fra storia e leggende popolari. Baceno, tappa di partenza, e Croveo furono palcoscenico di una drammatica lotta alla stregoneria che vide fra il XVI e XVII condannò al rogo numerose donne. Il termine strega deriva dal latino “strix” che oggi è il nome scientifico di alcune famiglie di
rapaci notturni, diventato “striga” dal latino popolare, assumendo il significato di esperto di magie e filtri.Si trattava spesso di soggetti che in qualche modo uscivano dagli schemi per il loro modo di essere, rappresentando una

sorta di minaccia da eliminare. Quaranta donne e due uomini vennero torturati e processati dall’Inquisizione domenicana e dal Tribunale diocesano di Novara. Viene da chiedersi perché ciò avvenne proprio in Valle Antigorio. La valle era vicina alla Svizzera calvinista e protestante, dove mercanti, cavallanti e spalloni frequentavano quelle regioni valicando gli alti passi alpini. La B…