domenica 6 maggio 2018

I Parchi di Nervi ed Euroflora (II parte)

Il Comune di Camogli ha partecipato ad Euroflora con uno spettacolare allestimento di 300 mq che vuole valorizzare la storia e le tradizioni che la contraddistinguono. Protagonista assoluta dell’installazione è il Dragun, tipica imbarcazione a remi, con scafo in legno nato nel 1968, inserito in una straordinaria
scenografia tra rocce, anfore, sabbia e più di 5000 fiori azzurri, bianchi e blu, a simulare l’effetto del mare; intorno la vegetazione tipica del
territorio fatta di limoni, corbezzoli, ulivi, rosmarino, timo e salvia. Andora, Comune Europeo dello Sport 2018, era presente grazie alla collaborazione con Anci Liguria, con peculiarità e attrazioni dagli sport di mare alla bellezza dei 150 km di sentieri panoramici. Il Parco dell’Aveto ha dedicato uno spazio alla racconto della
filiera del legno e alla rappresentazione delle Miniere di Gambatesa, la più grande miniera di manganese d’Europa, ora patrimonio museale. La collettiva degli Orti Botanici e dei Giardini storici della Società Botanica Italiana (SBI) e la Rete Italiana Banche del Germoplasma (RIBES) ha avuto l’intento di far riflettere i visitatori di Euroflora su due obiettivi strategici della
“Convenzione internazionale per
la Biodiversità” ovvero proteggere le specie endemiche e contrastare le specie provenienti da altri ecosistemi, invasive e dannose. Si sono impegnati in tal senso l’Orto Botanico di Genova, con Cagliari, Modena, Palermo, ARPAL e i Giardini Botanici Hanbury di Ventimiglia. I Parchi di Nervi sono un complesso storico-naturalistico di ispirazione romantica, realizzati tra XVIII e XIX secolo, presso i quali la tipica flora mediterranea si unisce
a piante esotiche e tropicali. L’intera superficie ha un’ estensione di circa 9 ettari e ospita: Villa Gropallo, attuale sede della civica Biblioteca Brocchi e del comando dei Carabinieri, nel suo parco è presente un palmeto con esemplari di palme da datteri e delle Canarie. Villa Serra Saluzzo, dopo essere stata acquistata nel 1815 da Gerolamo Serra e trasformata in parco paesaggistico, fu ceduta nel 1927 al Comune e dall’anno
successivo, ha iniziato ad ospitare la GAM-Galleria d’Arte Moderna. L’ultimo edificio del percorso all’interno del complesso è Villa Grimaldi Fassio, il cui parco digrada verso il mare, oltre la ferrovia, sulla suggestiva Passeggiata Anita Garibaldi. Il bellissimo Roseto, intitolato a Luigi Viacava, uno dei
promotori di Euroflora, è suddiviso in aree con varietà prodotte dai principali ibridatori
italiani e stranieri. Le folle oceaniche di visitatori hanno dimostrato che una manifestazione come Euroflora merita una cadenza più frequente per riappropriarsi del piacere unico di fondersi con elementi naturali paradisiaci.
Giuseppina Serafino

Nessun commento:

Posta un commento