giovedì 10 maggio 2018

Mantova e Food& Science Festival

Dopo il successo della prima edizione torna a Mantova il Food &Science Festival di Mantova, dal 18 al 20 maggio 2018.Capitale Italiana della Cultura nel 2016 e Regione Europea
dell’Enogastronomia nel 2017 (assieme a Bergamo, Brescia e Cremona), la città virgiliana si conferma palcoscenico ideale per un festival di respiro internazionale. Il filo conduttore di quest’anno sarà il tema dell’equilibrio fra due o più forze contrastanti: scienza e società, agricoltura e ambiente, crescita demografica e povertà, produzione ed etica, salute e alimentazione, risorse ed economia, tradizione e modernità. L’equilibrio viene ricercato anche fra lo studio del passato e la scoperta del futuro, guardando alla storia
dell’alimentazione.
A questo proposito sono stati invitati esperti carismatici come l’americano Patrick McGovern, ”Indiana Jones della birra”, pioniere dell’ archeologia bioalimentare. Ad un futuro sempre più presente si guarda con Franz-W.Badeck, che studia il rapporto tra agricoltura, alimentazione e cambiamenti climatici e Michele Morgante, dall’Università di Udine che affronta un tema tra i più affascinanti e poco conosciuti, l’epigenetica in campo alimentare. Ma i protagonisti di questa edizione sono anche gli alimenti stessi: dai pomodori neri (avanguardia della ricerca alimentare italiana) al mais transgenico. Al visitatore potrà capitare di scoprire la storia della cucina italiana attraverso un reading di Neri Marcorè, di esplorare attraverso due mostre, diecimila anni di

coltivazione del riso e gli aspetti più innovativi della sana
alimentazione, o di ascoltare un concerto a base di ortaggi suonato dalla Vegetable Orchestra. Fondata in Austria nel 1998, è composta da artisti dalle specializzazioni eclettiche(musicisti, designer, visual artists) che utilizzano le “zucche percussioni”, le carote intagliate come flauti dolci, le “melanzane nacchere” o gli agrifantascientifici  “cucumberphones”.Tra i luoghi cittadini coinvolti dalla
manifestazione ci sono: il Broletto, il Teatro Scientifico Bibiena, la Loggia del Grano, Piazza Mantegna, Piazza Leon Battista Alberti, Piazza delle Erbe, il MAMU-Mantova Multicentre, il Cinema del Carbone e l’area protetta del Mincio. Fin dalla sua nascita Food&ScienceFestival si è posto l’obiettivo di aiutare a “coltivare la conoscenza”, in quest’ottica rientrano alcuni format per migliorare la divulgazione delle informazioni
legate alla ricerca, alla produzione 
e al consumo alimentare come il Question Time “La scienza nel piatto”, realizzato in collaborazione con Focus. Sempre costruite sul patrimonio della competenza, ma senza dimenticare il piacere del palato, sono le Conferenze con degustazione: qui teoria e pratica si uniscono per guidare il pubblico verso una migliore conoscenza della scienza degli alimenti imparando ad utilizzarli e ad assaggiarli.         
                                                                           
         Giuseppina Serafino