Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2018

Escursione ai laghi della Tina

Immagine
Un trek che nasce per caso come alternativa alla domenicale routine balneare e alle avverse previsioni metereologiche. Partiamo da Varazze in auto con direzione Cogoleto e poi Arenzano (Ge), nel Parco del Beigua e della suggestiva Val Leone. All’uscita autostradale,
voltiamo a destra, per il valico della Colletta e poco prima verso Terralba,
via Pecorara, sino alla località Agueta, a 240 m di dislivello; parcheggiamo in un ampio slargo dinanzi ad un agriturismo che vende fragole. Qui inizia il cammino con meta “Laghi della Tina”, sorrido al pensiero di questa destinazione che evoca un personaggio fantomatico,
magari con trattoria casereccia o riferito ad una tragica calamità accaduta ad una “sciura” (dallo slang milanese) poco avvezza alle camminate e che
ora involontariamente ci costringe a ripercorrere i luoghi della sua tragica dipartita. Iniziamo ad inoltrarci nei boschi seguendo delle efficaci indicazioni su paletti di legno che sembrano sospingerci verso gli ambienti tipici dell…

Alla scoperta della Via Francigena

Immagine
Sono sempre di più coloro che, come novelli pellegrini, avvertono il fascino degli antichi cammini per riscoprire dimensioni di vita e significati autentici fra borghi e piane assolate della via Francigena. Secondo l’Associazione SloWays ci sono quattro possibilità di viaggio, la prima delle quali va da Lucca a Siena, passando attraverso San Gimignano e le torri merlate del castello di Monteriggioni per arrivare a San Miniato e Colle val d’Elsa. Si tratta di un itinerario di grande bellezza dalla Pieve millenaria di Chianni, dove dormì lo stesso Sigerico, a guisa di viandanti di epoca medioevale ci si inoltra su selciati vetusti e tra pievi
millenarie. Si trova ristoro nelle acque termali di Gambassi Terme o dinanzi ad un piatto di pici cacio e pepe a Siena, dopo aver ammirato la sua bellissima piazza. Camminando in lungo e in largo sulle leggendarie strade bianche senesi, si attraversano la Val d’Arbia e la Val d’Orcia, vere icone del fiabesco paesaggio toscano, con Bagno Vignoni…

I Geoparchi a convegno

Immagine
Quale contributo possono dare i Geoparchi per favorire uno sviluppo sostenibile? Per dare una risposta non c’è niente di meglio di una Conferenza internazionale per discutere e condividere una strategia univoca ad un livello che supera i confini geografici delle singole aree protette.Per la prima volta in Italia, si svolgerà la Conferenza Internazionale dei Geoparchi Mondiali Unesco, dall’8 al 14 settembre, con oltre circa 1000 partecipanti previsti. Sarà un importante occasione per il Parco Adamello Brenta Unesco che ospiterà questo evento, giunto all’VIII edizione.
Il tema dell’incontro quest’anno sarà “I Geoparchi e lo sviluppo sostenibile” e avrà sede presso il Pala Campiglio, a Madonna di Campiglio, nel cuore del Geoparco. Il Geoparco Adamello è altamente vocato al turismo con Madonna di Campiglio, Pinzolo, Folgarida, Marilleva, Andalo e Molveno. diversi progetti hanno assunto un’importanza europea come il Dolomiti di Brenta Bike e Trek, gli anelli intorno al Brenta da percorre…

La Settimana del Pianeta Terra

Immagine
Tanti i geoeventi previsti per la Settimana del Pianeta Terra, il Festival delle Geoscienze in programma dal 14 al 21 ottobre, con il patrocinio di Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Si avrà la possibilità di conoscere da vicino il ricco patrimonio ambientalistico: ripercorrere le tracce fossili umane fra le più antiche del mondo nel Casertano, vestire i panni di pionieri nella corsa all’oro in Valle d’Aosta, tastare con mano i danni prodotti dai terremoti nel cuore
della Capitale, effettuare immersioni virtuali nel lago d’Iseo e scoprire i misteri dei suoi fondali, grazie ad una telecamera comandata da un subacqueo.        Verranno svolte escursioni guidate su montagne e ghiacciai, trekking sui vulcani, incontri con ricercatori, ma anche momenti conviviali come degustazioni di prodotti tipici e passeggiate nei centri storici. L’ obiettivo del festival, giunto alla sesta edizione , è quello di evidenziare il ruolo strategico delle geoscienze nella …

Valtellina by bike

Immagine
Riscoprire la Valtellina in questo scampolo di fine estate in sella a una bicicletta e a tratti in treno per assaporarne la sua  bellezza è possibile farlo in circa quattro giorni. Il viaggio parte da Varenna, con un battello che ci permette di effettuare una minicrociera fino a

Colico, ultima località del lago di Como e che schiude le porte della Valtellina.Qui si inizia a pedalare lungo la ciclabile della Valchiavenna per
sostare presso Chiavenna, cittadina caratterizzata da un signorile centro storico con fontane di pietra ollare. Nelle vicinanze è d'obbligo ritemprarsi dinanzi alla doppia cascata del torrente dell’Acquafraggia, che ha incantato anche Leonardo da Vinci, per poi soggiornare presso il bike hotel Piuro, dinanzi al quale si trova il Crotto Belvedere. Quest’ ultimo è un luogo caratteristico in cui è possibile gustare le prelibatezze della cucina tipica valligiana. Una alternativa che può essere fruita da viaggiatori in gruppo o desiderosi di socializzare è l’Ostello
Ni…

Camminando in Friuli Venezia Giulia

Immagine
Gli appassionati di turismo lento e mobilità dolce possono trovare degli scenari di grande bellezza nel
territorio che costeggia le Dolomiti fra Tagliamento e Piave, sul Cammino di San Cristoforo. Si snoda per circa 450 chilometri e non è finalizzato al raggiungimento di una singola meta perciò può essere percorso da est a ovest e viceversa, nella sua interezza o solo per brevi tratti. Venerato fin dal Medioevo come protettore dei viaggiatori, San Cristoforo simboleggia valori come la generosità, umiltà e disponibilità all’aiuto, valori che spesso caratterizzano coloro che vivono in questi luoghi. Si può decidere per comodità di
percorrerlo in sei tappe in modo tale da garantirsi delle possibilità di alloggio e punti di ristoro partendo da Spilimbergo, cittadina che si erge sulla sponda destra del fiume Tagliamento. Il Cammino si snoda verso ovest mantenendosi sulla fascia pedemontana, dopo aver attraversato il Friuli occidentale,
entra in Veneto costeggiando il Cansiglio, si dirige ve…