giovedì 28 marzo 2019

Il Perù a Milano

A Milano il Perù ha fatto tappa con una mostra presso il Mudec che racconta le “Storie in movimento” , fino al 14 luglio 2019. L’esposizione fa parte del programma “Milano Città Mondo #04 Perù” , inaugurata dal Console generale del Perù a Milano, e propone conferenze, manifestazioni e approfondimenti con l’Italia. 
Dopo Eritrea/Etiopia, Cina ed Egitto, quest’anno il focus è dedicato alla comunità dei peruviani ben radicata nel capoluogo meneghino e tra le più numerose ed attive nella vita culturale della città, con i suoi 18 mila membri. L’intento è quello di documentarne la storia e le modalità di presenza a Milano, anche attraverso il collegamento con gli oggetti del patrimonio del Museo. Il progetto espositivo è promosso dal Comune di Milano/Cultura, Mudec e Ufficio Reti culturali; i curatori sono Giorgia Barzetti, Maria Matilde Benzoni e Carolina Orsini, in collaborazione con il Dipartimento di mediazione Culturale e linguistica dell’Università degli Studi di Milano. La mostra si concentra anche sull’esperienza di due figure di grande rilievo del panorama culturale e artistico italiano e peruviano del XX secolo: Antonello Gerbi e Jorge Eduardo Eielson.
Il Perù, da sette anni migliore destinazione culinaria del mondo secondo i World Travel Awards, ha partecipato come unico paese straniero ad Identità Golose Milano, il Congresso che riunisce i più importanti attori della gastronomia mondiale. Sono stati tre giorni densi di stimoli durante i quali il Perù ha condiviso la sua tradizione di oltre 3.000 anni promuovendo il suo ricco patrimonio con degustazioni, approfondimenti, showcooking e cocktail show e ha presentato le sue proposte culinarie con i due chef peruviani Josè del Castillo eVirgilio Martinez. Quest’ultimo ha affermato”Noi lavoriamo la terra e con la terra. 
Siamo stati sensibilizzati dalla cultura andina e la vogliamo comunicare al meglio. Abbiamo iniziato anni fa ad esplorare le cime del Perù, trovando incredibili ecosistemi, microclimi diversissimi a pochi minuti l’uno dall’altro; abbiamo voluto rappresentare questa realtà nel piatto”. Ad Identità Golose lo chef ha presentato piatti che sono una trasposizione dei tanti Perù: uno richiama l’ecosistema delle mangrovie del Nord, con lumachine nere, frutti di mare, un estratto della polpa bianca del cacao, il latte di tigre al cactus del deserto, foglie di camote (papata dolce) e una ragnatela croccante ; in una ricetta successiva, che richiama il deserto che circonda Lima, hanno fatto bella mostra trucioli di argilla commestibile. Un modo fantastico di far proprio il magico territorio del Perù.


                                                                   Giuseppina Serafino

Nessun commento:

Posta un commento