giovedì 21 marzo 2019

Orticola 2019

Nel primo giorno di primavera, al Castello sforzesco, è stata presentata Orticola 2019, che si terrà dal 17 al 19 maggio 2019, presso i Giardini Indro Montanelli.La più importante vetrina italiana per il vivaismo nazionale e internazionale ha scelto come 
tema “Piante amiche: le buone associazioni botaniche”.Si parla di buone associazioni,
nelle quali le diverse specie crescono nel modo migliore, condividendo lo spazio perché hanno le medesime esigenze idriche, di temperatura e di terreno, scegliendole in modo da ottenere anche la più efficace combinazione estetica. La XXIV edizione della mostra mercato è identificata con due fiori in grado di vivere in armonia, una peonia e un tulipano, diventati soggetti della nuova immagine di Orticola firmata da Sofia Paravicini che ha pensato a un mazzo di fiori in cui convivono alcuni insetti, come una piccola formica e un’ape, entrambi esseri fondamentali nell’ecosistema. Ma i veri protagonisti sono i vivaisti a cui si aggiungono giovani e start up, senza dimenticare interessanti tradizioni di famiglia. 
Oasi tropicale in Valcuvia è il sogno di un giovane farmacista preparatore, Luca Chiesa, originario di Cuveglio, in provincia di Varese, la cui passione sono le piante tropicali, agrumi e medicinali; Valerio Guidolin, titolare di Diflora, vivaio di piante carnivore di Galliera Veneta in provincia di Padova,affianca ai metodi standard micropropagazione,l’utilizzo di un nuovo bireattore in attesa di brevetto. Presenti alcuni vivai che si tramandano di generazione in generazione, come la Società Agricola eredi di Carlo Consonni, che presenteranno una collezione di biancospini rari e resistenti al freddo. Il vivaio Anna Peyron fondato nel 1981, in tre ettari di terreno a 450 metri di altitudine. I Vivai delle Commande nati ufficialmente nel 1994, hanno origine dalla passione della famiglia Salvi del Pero per le peonie, il cui primo nucleo fu importato dagli Stati Uniti nel 1980. In mostra-mercato ci sarà una collezione di oltre 200 specie di Opuntia, fichi d’India che possono essere coltivati all’aperto con 
                                                                                                                
temperature ben sotto lo zero. Per la prima volta ad Orticola, ecco Mirabilia, una tenda che conduce il visitatore alla scoperta di piante speciali provenienti da paesi lontani come l’Etiopia. Saranno due le Giurie della mostra-mercato: quella Botanica che deve giudicare le piante più significative per rarità e bellezza, ed ha fra i giudici Giuseppe Barbera, Professore ordinario di Colture Arboree all’Università di Palermo, e quella di stile che consegna i premi alla migliore esposizione, alla creatività e originalità, alla carriera. Di grande suggestione all’ingresso di Palazzo Dugnani sarà l’allestimento di Antonio Perazzi con Piante faro dal titolo “Bosco e Giardino”, vedrà il posizionamento di un bosco di giovani alberi dai 2 ai 3 metri e mezzo. Parte dei proventi della Mostra sarà anche quest’anno destinata ai Giardini Indro Montanelli e al romantico Giardino Perego. 
Sempre attivi in viale Eginardo gli Orti Fioriti di CityLife, realizzati da Orticola di Lombardia su un’estensione di circa 3000 metri quadrati, nell’ambito del progetto di riqualificazione urbana del quartiere Fiera di Milano, a cura di Citylife. Saranno più di 100 i momenti gratuiti “Impariamo ad orticola” di incontro per adulti e bambini , intesi come laboratori, corsi, presentazioni di libri, sia ludici che divulgativi, per promuovere e la conoscenza e la salvaguardia del verde.
                                                    
                                                    


                                                                     Giuseppina Serafino

Nessun commento:

Posta un commento