Il Poggiarello super star

Durante il Fuori Salone di Tutto Food, al Just Cavalli di Milano, è stato possibile degustare i vini de “Il Poggiarello”, in un evento a cura del Consorzio Piacenza Alimentare. Una piacevole esperienza multisensoriale che ha consentito di apprezzare al meglio le caratteristiche dei vini piacentini. L’azienda F&P Wine Group, a cui il brand sopracitato appartiene, ha fatto preparare un delizioso menù che ha esaltato i valori della produzione vinicola esibita.
Nel 2018 le famiglie Ferrari e Perini hanno unito i 6 marchi: Poggiarello, Perini&Perini, Costa Binelli, Borgofulvia e 4 Valli. Attualmente il Gruppo si estende su circa 200 ettari di vigneto, per un totale di 10 milioni di bottiglie prodotte annualmente, il cui 50% è destinato ai mercati esteri, soprattutto Russia, Germania, Belgio, Stati Uniti e Spagna. L’Azienda Agricola “Il Poggiarello” è stata creata  nel 1980 su venti ettari di terreno ecosostenibili; sistemi di allevamento, gestione del suolo, contenimento vegetativo, diradamento dei grappoli e raccolta rigorosamente manuale contraddistinguono il Poggiarello, il cui canale di vendita in Italia è rappresentato da HO.RE.CA.  Una passione per il vino che si tramanda da quattro generazioni, dopo che è stata rilevata una struttura in completo degrado; dal vecchio portico che si affaccia su un grazioso giardino e dalla terrazza sovrastante si gode un incantevole panorama con la vista su Piacenza e sui Castelli che circondano la piana di Statto. L’azienda ha fatto propria la filosofia che ha ispirato la costituzione del Movimento del Turismo del Vino, a cui aderisce fin dalla sua nascita, ossia il fatto che l’ospite abbia il ruolo di amico e consigliere. Particolarmente apprezzati durante la prestigiosa serata sono stati: il Gutturnio DOC Frizzante, dal 
colore rosso rubino brillante di varie intensità, con sapore consistente, fresco e giovane, dotato di un sapore ampio e fragrante, con note di frutti di bosco. Le pietanze a cui esso si accompagna sono i primi piatti saporiti, i secondi a base di carni bianche e i formaggi stagionati. Ma la vera gemma è stato l’Ortrugo DOC Frizzante, dal colore paglierino tendente al verdognolo, con sapore delicato e caratteristico con retrogusto amarognolo, impreziosito da un profumo intenso, molto fresco con sentori di menta e fiori freschi. I suoi abbinamenti ideali sono antipasti di salumi, paste asciutte , risotti e pesce. Un vero e proprio viaggio nel gusto e nella tradizione attestata dall’originale spago che recinge il tappo della bottiglia, dalle forme generose, come le terre piacentine, luogo di autentiche delizie.

              Giuseppina Serafino

Commenti

Post popolari in questo blog

Tas’t-Livigno native food

"Lanzarotturus day”

La Festa del Torrone di Cremona

Translate :