giovedì 18 luglio 2019

I tanti volti del Portogallo del nord


Quando si pensa al Portogallo la prima città che viene in mente è Porto, che ha dato il nome al Paese e che appare una città incantevole se vista dal Rio Douro, con i suoi edifici medioevali e le chiese barocche. Un elemento caratteristico sono gli azulejos, le tipichedecorazioni in ceramica dipinte a mano che connotano chiese ed opere d’arte. 

L’Igreja do Carmo è rivestita con esse, e reca un pannello che illustra la nascita delle carmelitane. Nel centro storico di Porto, proclamato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, s’incontra il quartiere di Ribeira, il cuore del lungofiume e uno dei più caratteristici. Si notano le celebri casette colorate e le barche tipiche lusitane che trasportano il vino Porto attraverso il Douro; ammirevole il Ponte de Dom Luis I, una delle opere architettoniche più iconiche della città. Parlando di Cammino di Santiago si pensa al percorso che va dal confine della Francia per attraversare tutta la Spagna, ma esiste anche un itinerario alternativo e meno battuto che è il Cammino portoghese. Il punto di partenza è Lisbona e l’itinerario segue la costa


portoghese, attraversando il nord del paese e passando per Coimbra, Tomar e Porto, giungendo quindi a Santiago di Compostela, ritrovando il fascino dell’antico pellegrinaggio. Altro luogo di suggestiva bellezza, definita come una valle incantata, Patrimonio Mondiale, è la Valle del Douro , percorribile in auto, treno, bicicletta o elicottero. Il percorso inizia a Vila Nova de Gaia, con una visita alle cantine in cui invecchia il Porto, e termina a Miranda do Douro, punto in cui il fiume entra in territorio lusitano; un paesaggio costellato da vigneti, paesini e villaggi tipici. Un altro volto del Portogallo lo si scopre a Vila Real, una cittadina posta su un promontorio e circondata dalla Serra Alvao e dalla Serra do Marao a ovest, mentre a sud dalla Serra de Montemuro. Viana do Castelo è ricca di palazzi nobiliari, chiese, conventi e fontane. Una delle città più antiche è poi Braga, in cui si erge

il 
complesso di Bom Jesus, recentemente dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Fra un tour e l’altro è piacevole rilassarsi sulla spiaggia di Foz a Porto, una delle zone nobili della città, che comprende l’area formata dalle spiagge di Ourigo, Ingleses e Luz. Il Turismo del Portogallo è da poco stato eletto come il “Miglior Ente Ufficiale del Turismo d’Europa” (Europe’s Leading Tourist Board) del 2019, un riconoscimento assegnato al World Travel Awards-edizione Europa, equivalente agli “oscar” del turismo, cerimonia nata nel 1993 per stimolare la qualità nel turismo. Il Portogallo è stato proclamato “Miglior Destinazione in Europa” per il terzo anno consecutivo;
 Lisbona è stata, invece, premiata come “Miglior Destinazione City Break in Europa” e il “Miglior Porto da Crociera Europeo”; l’Algarve è stato invece eletto come la “Miglior Beach Destination in Europa” e Madeira “Migliore Destinazione Insulare”. In totale il Portogallo ha ricevuto 39 premi (tre in più rispetto al 2018). Una meta che presenta tesori di grande pregio da scoprire. 
                             
                                                         

                                             Giuseppina Serafino

Nessun commento:

Posta un commento