lunedì 9 settembre 2019

Autunno sul Lago di Costanza

L’autunno si presenta particolarmente ricco di eventi nei quattro paesi sul Lago di Costanza alla scoperta di paesaggi e di bontà enogastronomiche con escursioni per tutti. Il Bodensee è un’area fortemente agricola a cui si accompagnano le prelibatezze del pesce di lago. Un tour davvero suggestivo è quello che porta sulle strade del vino, dei festival gourmet, dei mercatini e delle cantine, soggiornando magari in una botte di legno o in wine-hotel. Dal 21 settembre al 13 ottobre, in diverse località della
sponda tedesca del lago, la Settimana della Mela coinvolge i turisti in visite guidate nei campi di coltivazione, show-cooking, degustazioni. In Svizzera, il Paese della Mela di Altnau, propone tre diversi facili percorsi a piedi o in bicicletta, mentre il Museo del Mosto di Arbon, inaugurato nell’autunno 2018, organizza un interessante viaggio nella raccolta, produzione del succo di mela e dei distillati. Rinomati sono gli ortaggi del lago che crescono sull’Isola monastica di Rejchenau. Nel villaggio di Moos si celebra la cipolla rossa, delicata e aromatica che cresce solo fra Radolfzell e Stein am Rhein; la prima domenica di ottobre qui si tiene una festa con stand e bancarelle dedicati alla cipolla, cucinata nelle diverse versioni, in forma di zuppa, pane o focaccia. 


Fra le specialità ittiche spiccano il coregone, il salmerino alpino e il luccio e durante la Settimana del pesce, fino al 6 ottobre, vengono gustati in circa 20 ristoranti della sponda occidentale del lago. Come gran finale e preludio di Halloween, dal 9 al 21 ottobre, l’Autunno del Gusto nelle località tedesche di Lindau, Wasserburg, Nonnenhorn e Bodolz, e a Bregenz, in Austria, ci sono visite guidate, momenti musicali a tema, cene a base di prodotti di stagione. Per quanto riguarda la produzione vinicola, essa ha una lunga tradizione sul lago di Costanza che è iniziata al tempo dei Romani. Fra i vini più celebri vi sono l’autoctono Muller-Thurgau, il Sauvignon Blanc, il Pinot Nero che si susseguono sulle sponde svizzere e tedesche del Bodensee, nella regione di Sciaffusa (nota per il suo Blauburgunder) e perfino a Vaduz, in Liechtenstein
. La cantina dei Principi del Liechteinstein in Hofkellerei, propone Riesling, Veltliner e Pinot Neri locali, da abbinare alle carni e ai formaggi degli alpeggi del paese. Il vino si configura anche come storia, cultura, memoria nella cittadina di Meersburg dove il museo Vineum offre un percorso olfattivo, interattivo e sensoriale attraverso la produzione enologica. La Strada del Vino di Weinfeld, nel Thurgau (Svizzera) è un percorso di circa 9 chilometri che attraversa numerosi vigneti, con bellissimi scorci sul paesaggio collinare circostante.
 Alla stazione di Weinfelden, dove il tour ha inizio, i gitanti possono acquistare uno zainetto con generi di conforto e con la chiave per aprire la “cassaforte del vino”, una cella frigorifera che permette di accedere ad alcuni dei migliori vini come il Blauburgunder. Per rimanere in tema non resta che pernottare in botti di legno da Rudi a Trasadingen, in Svizzera, dove la finestra ad oblò lascia filtrare la luce del sole e si affaccia su un grazioso giardino. Un modo davvero singolare di assaporare l’incanto di un territorio decisamente affascinante. 

                                         Giuseppina Serafino




Nessun commento:

Posta un commento