venerdì 6 settembre 2019

Franciacorta Festival

Nel cuore della Lombardia, sulle sponde del lago d’Iseo, si trova un territorio davvero“di.. vino”, la Franciacorta. Si tratta di un’area di 200 chilometri, che comprende 19 comuni della Provincia di Brescia. Le dolci colline che la incorniciano, sono delimitate ad ovest dal fiume Oglio e a nordest dalle ultime propaggini delle Alpi Retiche; le loro antiche origini derivano dai ghiacciai che, ritirandosi circa 10.000 anni fa, hanno creato
l’anfiteatro all’interno del quale si trovano terreni di origine morenica, con una densa ricchezza minerale. L’etereogeneità di questi suoli è l’elemento distintivo di una viticoltura di qualità che discende dall’epoca romana, fino al medioevo, grazie alle condizioni pedoclimatiche che hanno favorito da sempre la crescita dei vigneti. 
A poco a poco le produzioni vitivinicole crebbero a dismisura fino ad eccedere notevolmente le necessità della popolazione, sviluppando le prime attività commerciali. Agli inizi degli anni 60, il giovane enologo Franco Ziliani, con la produzione della prima annata di “Pinot di Franciacorta”, diede il via al passaggio dalla produzione amatoriale di vini con le bolle e di vini spumanti ante litteram, alla moderna attività produttiva di Franciacorta codificata. Nel 1967 giunse il primo riconoscimento ufficiale con il Decreto della Repubblica, che qualificò la Franciacorta come zona a Denominazione di Origine Controllata (Doc), mentre dovrà trascorrere ancora un ventennio affinchè i 29 produttori decidano di associarsi e dare vita al Consorzio Franciacorta, il 5 marzo del 1990.

Nel week end del 14 e 15 settembre 2019, tornerà alla sua decima edizione, il Festival Franciacorta in cantina: saranno 64 le cantine che apriranno le porte per far conoscere le proprie delizie vinicole  e un'occasione per scoprire il territorio con un ricco programma di eventi culturali ed enogastronomici, fra castelli, monasteri e musei che arricchiscono la Strada del Franciacorta.

                                        Giuseppina Serafino





Nessun commento:

Posta un commento