I Maestri del panettone al Museo della Scienza

Alle Cavallerizze del Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, i migliori 26 lievitisti hanno portato le loro bontà consentendo di far acquistare a prezzi speciali più di centocinquanta tipi di panettoni artigianali di altissima qualità. Quest’anno il biglietto oltre a due buoni sconto ha permesso di donare un euro all’Associazione Azione contro la Fame Italia Onlus, organizzazione internazionale impegnata a combattere la malnutrizione nel mondo. 

Tutta l’Italia è stata rappresentata, a dimostrazione del fatto che il panettone, oltre che destagionalizzato è diventato un dolce nazionale, espressione del gusto di un intero Paese che con fantasia propone varianti, nel rispetto delle regole della autentica artigianalità. Non sono mancate sessioni di degustazioni, masterclass e un calendario di lezioni dedicate a tutto ciò che ruota intorno al panettone: l’Award per il “Miglior panettone al cioccolato” in collaborazione con Molino Pasini, Corman , Valrhona; la premiazione del “Miglior panettone al caffè”in collaborazione con Illy. Un’occasione unica per incontrare dal vivo i grandi professionisti firmatari della “Carta dei Maestri del Panettone”, documento con cui individuano e sottoscrivono le regole del vero panettone artigianale, della sua lievitazione, alveolatura, consistenza ed aroma. I maestri lievitisti rispettano la tradizione, rigorosa e da molti auspicata, ma allargano ogni anno il “parco panettoni”, aggiungendo sapori, nuovi ingredienti, ascoltando le richieste del mercato, molto esigente. 
Ora più che mai i profumi dei giardini in fiore e gli agrumeti ispirano panettoni alla frutta, ma anche i tanti lievitati integrali, sempre più richiesti.; non mancano le proposte salate ( al pomodorino, o al capocollo) per coloro che il panettone lo amano a tutto pasto. Si gioca anche con abbinamenti con gli spiriti e il vino, dal Recioto, allo zibibbo, al rum. Ad aprire la kermesse è stata l’iniziativa “Il Panettone è italiano”, promuovendo la raccolta firme rivolta a tutti gli operatori del comparto, alle aziende di panificazione e pasticceria, ai produttori di materie prime. L’obiettivo della campagna, lanciata lo scorso 14 novembre a Roma alla Camera dei Deputati, è quello di stimolare il settore affinchè riconosca il valore dell’italianità di un 
prodotto diventato celebre in tutto il mondo e la necessità di codificarne e tutelarne le caratteristiche e le origini. Diventa sempre più importante salvaguardare sia il prodotto che le oltre 43.000 imprese specializzate, che contano 155mila addetti. 
Il traguardo perseguito è il riconoscimento del panettone come tipicità esclusiva italiana, attraverso una denominazione che ne garantisca l’unicità. Un panettone che diventa un'emblema della identità nazionale.

                 Giuseppina Serafino



Commenti

Post popolari in questo blog

Cartoline dalle vacanze

Cicloturisti nelle Terre di Arezzo

Milano Bike challenge 2019