Passione italiana


In un momento di profondo disagio e di difficoltà per il Paese, il Touring club Italiano ha lanciato una campagna per promuovere le bellezze del territorio italiano. Parafrasando la frase di Dostoevkij “La bellezza salverà il mondo”, il sopracitato ente si fa portavoce del pensiero “Passione Italia” perché la bellezza ci salverà. Si tratta di un invito a “viaggiare da casa” per riscoprire ciò che il nostro territorio 

ha da offrire, semplicemente utilizzando il computer o lo smartphone. Alla “mappa del 


contagio” il Touring Club contrappone la “mappa della bellezza”. Una specie di mappa interattiva a cui collegarsi, un diario digitale per ispirarsi, per ricordare che in Italia c’è una bellezza che resiste da tempi immemorabili e di cui bisogna continuare a rammentarsi . I punti di partenza sono il sito del Touring Club Italiano (www.touringclub.it/passioneitalia) e i profili ufficiali Facebook e Instagram. Qui si potrà viaggiare virtualmente fra paesaggi montani e marini, città d’arte, borghi o cammini. Chiave della narrazione sono le Guide Verdi Touring, le fotografie dell’archivio storico ed 
approfondimenti da parte di giornalisti in una sorta di “bagaglio di viaggio”. Una grande campagna che ha come obiettivo quello di far tornare a sognare una vacanza in Italia. Touring Club Italiano può promuoverla narrando tutti i luoghi, dai più prestigiosi a quelli apparentemente senza attrattive, perché da sempre la sua missione è quella di promuovere i tesori d’Italia, anche quelli più sconosciuti. La sfida che viene proposta è quella di contribuire al racconto, con aneddoti personali legati a luoghi specifici, con immagini e 
scorci inediti ai quali si è particolarmente legati, per condividerli via social con gli hastag  #passioneitalia 

#mappadellabellezza. “Noi, intesi sia come volontari del Touring Club italiano, ma anche tutti “noi” cittadini: per ricordarci e ricordare al mondo intero, che si può imparare dalla bellezza a guardare oltre l’oggi con ottimismo. Per tenere “acceso” un settore così fondamentale per il Paese e che inevitabilmente soffrirà immensamente: il turismo.”-ha affermato Franco Iseppi Presidente del Touring Club Italiano. Un modo per restituire il domani del Paese ai propri cittadini, sicuri che questo compito ora 
spetti alla propria comunità e a chi si occupa di “prendersi cura dell’Italia come bene comune” da oltre 125 anni. Il Touring Club Italiano è una libera associazione senza fini di lucro che contribuisce a produrre conoscenza, tutelare e valorizzare il paesaggio, il patrimonio artistico e culturale, le eccellenze economico produttive dei territori, attraverso il volontariato diffuso e una pratica turistica del viaggio etica, responsabile e sostenibile. 

                                   Giuseppina Serafino

Commenti

Post popolari in questo blog

Tas’t-Livigno native food

"Lanzarotturus day”

La Festa del Torrone di Cremona

Translate :