Quel sorriso verso Gerusalemme


Non credo a Dio
ma credo all’uomo
che divenne Dio
abbracciando una croce
incastonata di chiodi
per donare gocce di sangue
che furono fiori
su quei sentieri che tu
ora segui  con il sole
che trafigge l’azzurro
dei tuoi occhi in cui
ho affogato il mio ricordo.
  Vorrei esserti accanto
nel tuo cammino aspro,
     invece posso solo sussurrarti
fermati e guarda,

dietro le braccia contorte 
    di un ulivo scorgerai      un’ombra chiara e sentirai

un soffio di vento
nell’aria ferma come pietra.
Non sai da dove viene
ma se ti passerà
sulla pelle come carezza
capirai  che è il respiro
di  chi volle voler bene
e si mise su una croce
per diventare il Bene.
Scava per me un angolo
                                    nella tua memoria
       e portami con te su quei
             sentieri antichi, 
     mentre chi t’accompagna 
          non può capire a chi
    regali quel fuggevole sorriso
              che stranamente
         ti fiorisce sulle labbra
          mentre Gerusalemme
        affonda nel tramonto. 



(Raffaele D’Argenzio, dicembre 2019-Direttore Week end Premium)
                                Buona Pasqua , 

con alcune foto del mio viaggio a Gerusalemme, 
                                           Giuseppina  Serafino




Commenti

Post popolari in questo blog

Tas’t-Livigno native food

"Lanzarotturus day”

La Festa del Torrone di Cremona

Translate :