Irlanda e siti Unesco


L’Irlanda, isola affascinante per i luoghi circondati a volte di mistero, ha tre siti che per la loro bellezza sono tutelati dall’Unesco come Patrimonio dell’ Umanità. . In una zona tranquilla della contea di Meah sorge Newgrange, una tomba a corridoio più antica delle Piramidi, risalente al 3200 a.C; all’alba del 21 dicembre un raggio del sole nascente penetra attraverso l’ingresso facendosi strada nel corridoio di pietra illuminando la camera ardente cuore del monumento. La Giant’s Causeway, descritta come l’ottava meraviglia del mondo, è costituita da 40.000 colonne di basalto esagonali che scendono fino al mare come un enorme nido d’ape. La leggenda narra che sarebbe nato in seguito ad una guerra di giganti ma la geologia sostiene che la struttura fu generata da un’attività vulcanica risalente 
a 60 milioni di anni fa.Skellig Micheal, nella Contea di Kerry, definita una sorta di sogno nel mezzo dell’Atlantico, è la stella della Wild Atlantic Way che affascina per gli insediamenti monastici, di cui sono testimonianza le capanne in pietra a forma di alveare in cima all’isola, risalenti forse al VI secolo.Le Cliffs of Moher, con i loro 214 metri di altezza a picco sull’ Atlantico, sono uno di luoghi più suggestivi di tutta l’Irlanda così come l’affascinante regione calcarea del Burren, con le sue orchidee che fioriscono in un particolare paesaggio lunare. Qui vi sono anche tombe megalitiche come il famoso dolmen di Poulnabrone. Il Copper Coast European Geopark di Waterford è uno straordinario tratto di costa, con 

un’estensione di 25 km di Tramore, località di soggiorno di epoca vittoriana, con scogliere, faraglioni e panorami suggestivi; il nome deriva dalle miniere di rame che erano presenti nell’area. Ai piedi delle Montagne Cuilchag, nella Contea di Fermanagn, si trovano Le Marble Arch Caves, alcune delle grotte più belle d’Europa; si tratta di un mondo sotterraneo fatto di rocce, fiumi e cascate visibili con l’ottimo sistema di illuminazione. Prende il nome dalle miniere di rame che un tempo punteggiavano la zona.L’Irlanda è anche uno scrigno di bellissimi siti monastici e manufatti paleocristiani che descrivono un periodo aureo della sua storia. Nella cornice del Wicklow Mountains National park, oltre ad alte croci, chiese in rovina, si erge un’imponente torre rotonda di 33 metri di altezza, ancora intatta, Sono i resti della città monastica di Glendalougn che risale al Vi secolo, una specie di gioiello dell’antico Oriente d’Irlanda.    
La croce celtica è uno dei simboli del cristianesimo irlandese e la testimonianza dell’abilità artistica degli scultori paleocristiani così come quella nel sito monastico di Clonmacnoise, nella contea di Offaly, una delle più riccamente scolpite. Sono svariate le possibilità di immergersi in un mondo davvero remoto visitando le tante meraviglie disseminate nel territorio irlandese.

                                          Giuseppina Serafino

Commenti

Post popolari in questo blog

Tas’t-Livigno native food

"Lanzarotturus day”

La Festa del Torrone di Cremona

Translate :