Parco Nazionale della Majella

Fra i tre Parchi Nazionali presenti in Abruzzo vi è il Parco Nazionale della Majella denso di testimonianze storiche ed archeologiche come gli antichi borghi in pietra e i graziosi eremi arroccati sui monti. Costituito nel 1995, esso ha una superficie di 74.095 ettari e comprende 39 comuni nelle province di L’Aquila, Chieti e Pescara. La Majella, aspra e imponente è da sempre considerata una montagna sacra che richiama la Maja, ovvero la madre delle messi adorata dai suoi primi pastori; ripida e compatta sul versante occidentale, si distende in alto nell’altopiano di Femmina Morta, ed è solcata sul versante orientale dai valloni più selvaggi d’Abruzzo. 

La presenza dell’uomo è testimoniata da giacimenti preistorici che risalgono al Paleolitico da grotte con iscrizioni di pastori e briganti, capanne tholos disseminate fra i campi agricoli e i pascoli d’altura. Il Parco, che comprende anche la bastionata del Morrone e i Monti Pizi, è uno dei più celebri ambienti ricchi di fauna selvatica d’Italia e d’Europa. La posizione geografica, le caratteristiche altitudinali (con almeno trenta cime che superano i 2.000 metri), il rigore e la varietà del clima rendono questa montagna custode di una diversità biologica fra le più importanti d’Europa. Sulla Majella vivono il lupo, l’orso, il camoscio, il capriolo , il cervo e tra le 130 specie di uccelli  si differenziano l’aquila reale, il falco pellegrino, il gufo reale, il lanario, l’astore e il piviere tortolino.
I versanti tra i 1000 e i 1.800 metri sono ricoperti da faggete mentre sui crinali è diffuso il pino mugo, alquanto raro e tipico di ambienti nordici; la vegetazione comprende 1.700 specie, numerose delle quali endemiche. Nella flora spicca la soldanella del calcare e il fiordaliso della Majella che oltre a impreziosire le caste piene di colori accesi, sono i simboli che lo rappresentano 
Giovanni all’Orfento, Sant’Onofrio di Serramonacesca, Madonna dell’Altare), il santuario di Ercole Curino e la chiesa di San Tommaso a Salle. Il Parco ha avviato da alcuni anni percorsi escursionistici a tema, campi di volontariato per il restauro di complessi agro-pastorali, attività educative per le scuole e ha cercato di coinvolgere le amministrazioni del territorio in un comune percorso di valorizzazione di nuove forme di sviluppo  dell’economia legate alla micro-imprenditoria giovanile, all’artigianato, all’agricoltura ed all’allevamento.

Giuseppina Serafino




Commenti

  1. Interessante articolo, non conosco questo parco e le tue foto mi hanno fatto venire tanta voglia di andarci. Complimenti

    RispondiElimina
  2. Da abruzzese, ti faccio i complimenti per l'articolo! ��Sono veramente luoghi molto belli, purtroppo poco conosciuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da un' abruzzese i complimenti valgono il doppio, che gioia!

      Elimina
  3. Interessante!! Non lo conoscevo e non ne avevo mai sentito parlare, sembra davvero molto bello!

    RispondiElimina
  4. Purtroppo non ho mai visitato queste zone, il centro italia è un buco nero per me ! ahah Spero di rimediare presto. Carinissima l'Abbazia !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è crederci e, prima o poi, i sogni diventan veri.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tas’t-Livigno native food

Buona la Puglia

ICE Music Concerti in Paradiso