Trento, città del Natale

Anche Trento illumina il suo Natale di iniziative molteplici in mancanza del tipico Mercatino che quest’anno si svolge in maniera virtuale per far comunque assaporare il gusto della tradizione.  Entrando nella sezione del sito si può curiosare fra le bancarelle e scegliere le prelibatezze locali. Le nuove luminarie riscaldano il cuore lungo il percorso del “giro al Sass “, la passeggiata del sabato pomeriggio lungo le vie del centro. L’installazione “Luci d’artista” trae ispirazione dai canti tradizionali di montagna quali “”Paganella”, “La madonina” che si dispiegano come uno spartito luminose; 

le luminarie decorano anche i quartieri di Le Albere e Piedicastello e, per iniziativa, dell’APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, anche il Mausoleo di Cesare Battisti sulla collina del Doss Trento, sulla riva destra dell’Adige. Un modo per valorizzare un monumento di grande importanza storica oltre ad offrire un panorama fantastico sull’intera città. Per la prima volta è stata organizzata “Trento by Night”, che prevede di essere accompagnati da una guida esperta alla scoperta dei luoghi più suggestivi 

e dei segreti del luogo. In piazza Duomo troneggia il grande Albero di Natale, un abete proveniente dal Monte Bondone e addobbato con 24.000 luci e la sfavillante sfera luminosa , collocata ai piedi della Torre civica.  Bellissimi fasci di luce  ammantano il Duomo, la Fontana del Nettuno, che un recente restauro ha riportato al suo originale splendore. Piazza Lodron ospita il maestoso presepe in legno, ideato e realizzato dagli studenti dell’Istituto dì Arte “A. Vittoria” e dell’IstitutoCFP Enaip di 

 
Villazzano. Una originale mostra open-air, curata dalla Fondazione Museo Storico del Trentino, denominata “Era dicembre”,  troneggia in Piazza Cesare Battisti, consentendo  di rivivere emozioni legate ad  eventi , avvenuti nel mese natalizio, tra il 1960 e il 2000, mediante  materiali iconografici di privati o di mezzi stampa.  La Piazza dei Bambini è quella di Santa Maria Maggiore che assume le sembianze di una magica fiaba, facendo rivivere le leggende del Trentino con luci, suoni ed immagini tridimensionali. Il Villaggio del Natale ospita la casetta di Babbo Natale, con la bussola in cui riporre la


classica letterina, il bosco incantato e il presepe della Val Gardena;  un percorso di luci fa rivivere poesie, filastrocche e favole di Gianni Rodari, a 40 anni dalla sua morte. Oltre alla città di Trentosono  da non perdere lo sci di fondo negli oltre 35 Km della conca delle Viote, le passeggiate al borgo Garniga Terme e quelle notturne al “Bosco incantato” di Vaneze, con la Ciaspolata al chiaro di Luna. Un modo incantevole di trascorrere,la magica atmosfera  del territorio trentino immergendosi in ambienti incontaminati densi di tradizioni  autentiche.

Giuseppina Serafino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.
 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dolcissimo Natale

In bici a Colonia, lungo il Reno

“Il dio degli Incroci. Nessun luogo è senza genio”