Poschiavo, borgo svizzero del Trenino rosso


Poschiavo è un borgo celebre per il passaggio del trenino  del Bernina. Prima dell’avvento di questa ferrovia era un punto di sosta per le carovane che dalla Valtellina, si dirigevano verso Coira,  trasportando merci di vario genere, ed in  particolare vino. Questa economia di transito ebbe però una battuta d’arresto a causa dell’alluvione del 1834 e della realizzazione dei principali trafori alpini che deviavano il traffico dalla Valposchiavo in luoghi limitrofi. La località 


ritornò fiorente come in passato, grazie alla sopracitata presenza del  trenino rosso dal 1910 e alle attività delle centrali elettriche attive a partire dal XX secolo. Il borgo dista dal confine italiano soltanto 16 km e 117 km da Coira, capoluogo del cantone Grigione, antica città svizzera che vanta 5000 anni di storia. La si può raggiungere in auto lungo il Passo del Bernina e il Passo Giulia, o continuando il viaggio a bordo del caratteristico convoglio rosso, lungo la 


via Albula, riconosciuta anch’essa come patrimonio Unesco fino a Thusis. 
Sono svariate le proposte culturali presenti a Poschiavo , a partire da quella museale il museo poschiavino, presso Palazzo de Bassus- Mengotti che permette di compiere un salto nel passato della vita contadina; a Casa Tomè è possibile conoscere le attività legate alla cucina tradizionale. Casa Console è la sede di una pregiata collezione di dipinti romantici tedeschi e svizzeri, che è 


simbolo della città assieme al quartiere spagnolo, composto da una serie di palazzi fatti erigere dagli emigranti poschiavini dal 1857 al 1911 , ad opera dell’architetto italiano Giovanni Sottovia. Si tratta di una imponente schiera di edifici signorili, edificati nella seconda metà dell’Ottocento per volontà dei pasticceri emigranti di ritorno in patria. Si possono poi visitare belle chiese come quella tardo gotica di San Vittore Mauro, alla chiesa evangelica della 


Santissima Trinità del 1600 e la chiesa cattolica di Santa Maria Assunta, tipica chiesa di campagna in posizione panoramica, visibile anche dal trenino del Bernina. Una curiosità di Poschiavo è il fenomeno della stregoneria attestata dai numerosi atti processuali conservati presso l’archivio comunale valligiano. Tra Seicento e Settecento il tribunale laico locale istituì un grande numero di processi contro “streghe” e “stregoni”, ovvero individui colpevoli di essere 


depositari dell’arte della stregoneria, rinnegando la Trinità per porsi al servizio del Demonio. Una devozione attestata da riti collettivi periodici, i cosiddetti sabba o “berlotti”, oltre alla pratica deimalefici, degli atti con i quali si credeva potessero danneggiare persone, animali e l’ambiente circostante. Sarà questa atmosfera a catturare ancora oggi allorchè si visita questa località, quasi sospesa nel cielo, trasmettendo emozioni straordinarie quando si sfreccia sul Trenino immergendosi in un contesto di magica bellezza
                                                                                                    

                                                                                 Giuseppina Serafino

Commenti

  1. Ne avevo sentito parlare proprio per il trenino rosso del Bernina. Dalle foto sembra davvero un luogo idilliaco!

    RispondiElimina
  2. Ricordo ancora il viaggio sul trenino rosso come una delle giornate più belle della mia dolescenza. Luoghi semplicemente idilliaci! Spero di poterci tornare presto non appena alle restrizioni lo permetteranno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra di entrare nei mondi incantati di fanciullesca memoria, proprio così!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

In bici a Colonia, lungo il Reno

“Il dio degli Incroci. Nessun luogo è senza genio”

Zurigo, perla svizzera