Il FAI e I Luoghi del cuore


Come molti ben sanno Il FAI ( Fondo per l’Ambiente Italiano) è una fondazione senza fini di lucro, creata nel 1975 per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio artistico e naturale italiano. Sono 64 i Beni salvati dalla sopracitata associazione, oltre 7.500 i volontari in tutte le regioni d’Italia, 27 le edizioni delle Giornate FAI di Primavera che hanno consentito a 11 milioni di persone di scoprire luoghi normalmente chiusi al pubblico.


Il FAI promuove ogni due anni, in collaborazione con Intesa Sanpaolo, la manifestazione “I Luoghi del Cuore”, ossia un grande censimento dei luoghi italiani da non dimenticare; la decima edizione si è conclusa il 15 dicembre 2020, con una risposta davvero straordinaria, ovvero 2.353.932 voti raccolti, miglior risultato di sempre, con oltre 39.500 luoghi segnalati in 6.504 Comuni d’Italia. I primi tre vincitori insigniti della prestigiosa vittoria, sono stati:


1° La Ferrovia Cuneo-Ventimiglia- Nizza che con una straordinaria opera dell’ingegno umano,  unisce l’Italia al Piemonte e alla Liguria, per creare un ardito collegamento tra territori e nazioni. Si tratta di 100 km di emozioni durante i quali sfrecciano dal finestrino un fantastico scenario che con un filo  abbraccia la storia e la geografia del nostro Bel Paese: dalla pianura piemontese, alle coste della Liguria di Ponente e alla Costa Azzurra francese, i parchi naturali delle Alpi Marittime e del Mercantour. In meno di cinquanta chilometri in linea d’aria  la Ferrovia supera un dislivello di mille metri ma, nonostante ciò, essa non è mai stata sufficientemente 


valorizzata e sostenuta. Malgrado gli apprezzabili investimenti per la sua messa in sicurezza è mancata una politica di rilancio che ha causato una drastica riduzione delle corse (solo 2 al giorno) e una incombente minaccia di chiusura, anche a causa della doppia gestione italiana e francese. Triste pensare che si tratti addirittura della “Ferrovia delle Meraviglie, inserita nel 2016 dalla rivista tedesca Horzu fra le dieci linee ferrovie più suggestive del mondo. 2) La villa-castello diSammezzano si trova a Leccio, frazione del Comune di Reggello, a circa 30 


chilometri da Firenze.  La struttura collocata in un castello in stile eclettico con prevalenza orientalista, si erge su una collina al di sopra del paese ed è circondata da un grande parco di 187 ettari, dei quali 50 “parco storico” con oltre 100 specie arboree, fra cui spicca la “Sequoia gemella” albero monumentale che con i suoi 53, 96 metri è risultato il secondo albero più alto d’Italia. Tenuta di caccia medicea, nel 1605 la proprietà venne acquistata dagli Ximenes D’Aragona trasformandolo nel più importante esempio di arte Orientalistica in Italia ed in Europa. Nel castello sono richiamati capolavori architettonici di arte moresca come 


l’Alahambra di Granada ed il Taj Mahal in India. 
3) Il Castello di Brescia, uno dei più affascinanti complessi fortificati d’Italia. si trova arroccato sul colle Cidneo, in uno dei contesti naturalisti che fungono da “polmone verde” della città. Il Mastio centrale, le imponenti mura merlate e il torrione testimoniano un’influenza viscontea, mentre i possenti bastioni e l’ingresso monumentale, con ponte levatoio, attestano la potenza della  Serenissima, che resse la città per più di quattro secoli. Teatro delle celebri “Dieci giornate di Brescia, il Castello sorprende 


per 
la presenza di uno dei più antichi vigneti, per i retaggi romani, come i magazzini dell’olio con vasche conservate fino ad oggi, i baluardi medioevali, e una locomotiva del 1909, resa “Prigioniera del falco d’Italia”, per la gioia dei piccoli visitatori. Che cosa sono i Luoghi del Cuore? E’ come se infinite piccole fiammelle venissero accese nelle città, nei paesi aggrappati alla colline, lungo le frastagliate coste, attraverso le pianure, in mezzo agli alberi dei boschi, lungo i fiumi… sono quei luoghi che gli uomini hanno amato, vissuto, intravisto, sognato, con nostalgia ricordato. (Giulia Maria Crespi)  

    

      
Giuseppina Serafino

Commenti

  1. Che bellezze incredibili! Grazie per queste informazioni preziose che non conoscevo affatto.Quando ti leggo il desiderio di riprendere a viaggiare fa quasi male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio...vedrai che riprenderemo presto a viaggiare e lo apprezzeremo ancora di più

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

In bici a Colonia, lungo il Reno

Dolcissimo Natale

“Il dio degli Incroci. Nessun luogo è senza genio”