Sulle orme dei beduini in Giordania


La Giordania è un territorio antico di grande suggestione per le preziose testimonianze di civiltà millenarie. Essa merita di essere riscoperta, quando sarà possibile, per altri aspetti che la contraddistinguono. Nella  riserva naturale di Burqu è stato recentemente inaugurato un nuovo ecolodge che si trova sul JEBT, il Jordan 


Eastern Badia Trail, a est della Giordania.La struttura è collocata a poca  distanza dalle rovine del castello romano di Burqu e fornisce un particolare modo di  vivere 
questa area poco battuta dal turismo. Si compone di 10 stanze, un ristorante, spazi pubblici collocati in tende beduine con possibilità di ospitare circa 30 persone, Dopo il lancio del Jordan Trail e del Jordan Bike Trail, si tratta di un’iniziativa tesa a far riscoprire il volto più ecoturistico del Paese, che attualmente annovera dieci 


riserve naturali gestite dalla Royal Society for the Conservationof Nature.
www.rsnc.jo L’Eastern Dadia Trail (JEBT) segue le orme dei beduini nomadi lungo un paesaggio desertico naturale in continua evoluzione che unisce aree protette ricche di storia antica, tradizione, cultura, archeologia, geologia, flora e fauna. Il sentiero che collega l’Azraq Wetland Reserve e la Shaumari Wildlife Reserve con la nuova riserva di Burqu, permette agli esploratori più audaci di passare dalla porta di accesso al 


luogo più affascinante e misterioso del deserto giordano. Il percorso narra la storia di quest’ultimo partendo dai suoi fossili per arrivare alle iscrizioni scolpiti nelle rocce 
dagli antichi popoli, come una sorta di naturale testimone.La Badia orientale, a solo un’ora e mezza di distanza dalla capitale Amman, fornisce informazioni molto avvincenti sui popoli, sulla natura e sulle specie che abitano questa zona  e la Giordania in genere. Sono svariate le opportunità di Trail che si possono 


effettuare: il Badia Stories di 476 km e della durata di 3 giorni, il Black & White Trail di 160 km che si effettua in 8-10 ore, il Beduins Trail di 220 km di 2 giorni e , per 
concludere, il Burqu Trail, di 528 km della medesima durata. Quest’ultimo, fra le sue maggiori attrazioni, ha il sito archeologico di Khirbet Abu Hussain, un forte che si erge su un modesto rilievo che fa parte di una decina di giganteschi cerchi di pietra risalenti al neolitico, e le rovine di un castello eretto dai romani. La 


costruzione si rese necessaria per proteggere con una diga un lago stagionale in una regione estremamente arida e  per far sì che fosse garantito l’approvvigionamento idrico alle carovane che viaggiavano fra la Siria e l’ Arabia. Tante le escursioni possibili in 4x 4, e in mountain bike ma …soprattutto a dorso di cammello, rinnovando le gesta di epoca remota in un territorio di straordinaria bellezza.

                                                      Giuseppina Serafino

Commenti

  1. Sono stata un paio di anni fa in Israele e avrei tanto voluto andare anche in Giordania, sono posti che ti tolgono in fiato per la loro bellezza

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

In bici a Colonia, lungo il Reno

Dolcissimo Natale

“Il dio degli Incroci. Nessun luogo è senza genio”