Zurigo, perla svizzera


La città di Zurigo si prepara ad accogliere i turisti con una proposta culturale molto variegata  che comprende  circa 50 i musei e 100  gallerie d’arte. Quello che viene considerato uno dei pilastri di questa preziosa offerta è il Museo Nazionale, accanto alla Stazione Centrale, che ospita la collezione storico-culturale più grande della Svizzera . Oltre a questa, sono state allestite quattro mostre contemporanee, fra le quali ”Donne. Diritti. Dal secolo dei Lumi ai 

                 

giorni nostri” aperta fino al 18 luglio, esattamente nell’anno del cinquantesimo anniversario dell’introduzione del suffragio femminile in questo Paese. Un interessante testimonianza del difficile cammino per la conquista dei diritti civili e politici. La MAAG hall, nel quartiere di Zurich- West, che per mesi ha ospitato l’orchestra di Zurigo, durante la ristrutturazione della sua sede storica, il Tonhalle, ora cambia veste. La MAAG Music & Arts AG ha annunciato che, 


dal mese di settembre 2021, diventerà un museo della luce con mostre di arte 
immersiva. Si tratta di un’esposizione che anima le opere degli artisti proiettandole su pareti, soffitti e pavimenti, accompagnate da una musica che fa prendere loro vita. Altri luoghi imperdibili per ritemprarsi sono la Lindt Home of Chocolate di Kilchberg, a circa 20 minuti da strada da Zurigo, vero e proprio tempio del cioccolato. Oltrepassata la spettacolare fontana di ottima 


cioccolata alta 9 metri, si entra nella grande mostra multimediale: 1500 metri quadrati in cui si racconta la storia di questo 
prezioso alimento , dai primi usi della pianta del cacao, agli attuali metodi di lavorazione delle fave. I visitatori possono partecipare a laboratori walk-in per poter creare prelibati capolavori con i Maestri Cioccolatieri. Oltre ad una sala degustazione in cui poter curiosare i segreti di una fabbrica di cioccolato, si può accedere al più grande Lindt 


Chocolate Shop al mondo. Per far fronte all’immobilismo del periodo pandemico si può accedere ad un esperienza multisensoriale presso il  
WOW Museum. Un luogo fantastico che catapulta in un mondo denso di illusioni ottiche, effetti percettivi e installazioni luminose che stravolgono i sensi e offrono il massimo del divertimento su tre piani di autentica follia! Un’altra grande novità che è stata  da poco annunciata è il nuovissimo Science Exploratorium 


dell’Università di Zurigo, una galleria di esposizioni dedicate alla settore della scienza e della ricerca accademica. La prima
 delle cinque mostre attualmente allestite è ospitata al Museo Botanico e presenta una selezione di manufatti etno  archeobotanici. Tutto ciò rappresenta soltanto una parte ci quello che può offrire Zurigo, una città dai molteplici aspetti che affascinano in un contesto ambientalistico di grande pregio.
                                                

                                                                                        Giuseppina Serafino

Commenti

  1. Zurigo è una delle poche città svizzere che mi manca da visitare, grazie per tutte queste preziose info, spero prima o poi di utilizzarle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta non abituarsi a stare troppo comodamenteseduta....evvai con la battuta!!!

      Elimina
  2. Anche se ho viaggiato molto, Zurigo manca tra le mie mete, appena si ricomincerà a viaggiare dovrò visitarla, un bellissimo racconto il tuo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio...buon proseguimento di viaggi, si spera non virtuali!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

In bici a Colonia, lungo il Reno

Dolcissimo Natale

“Il dio degli Incroci. Nessun luogo è senza genio”