Cervia e lo sposalizio del mare


Un  prossimo evento storico di particolare suggestione è la Sposalizio del mare di Cervia, località balneare e termale della Riviera romagnola. Tale festa molto antica  che si ripete ogni anno nel giorno dell’Ascensione dal 1445, quest’anno è prevista il 15 e 16 maggio 2021. Si tratta di un evento che segna l’apertura della campagna del sale e della stagione balneare, recando così l’augurio di buon raccolto. Le origini di questa manifestazione risalgono ad una 


famosa leggenda. Nel 1445 Pietro Barbo, Vescovo di 
Cervia, al suo ritorno da Venezia venne sorpreso da una violenta tempesta e per placarla diede in pegno alle acque l’anello pastorale, salvando in questo modo se stesso e l’equipaggio. Da allora ci celebra la benedizione delle acque ed il matrimonio del mare. In occasione della festa Cervia ospita ogni anno una città diversa, selezionata in base ad affinità storiche e culturali. Lo scorso anno è toccato a Baden bei Wien, città austriaca gemellata  che diventa partner dell’evento e partecipa ai 


festeggiamenti con spettacoli, mostre e stand gastronomici. L’Arcivescovo della Diocesi di Ravenna e Cervia, esce in mare su un peschereccio, benedice il mare e lancia in acqua una vera d’oro, dando continuità al voto fatto  nel 1445. Il regale appuntamento coinvolge tutta la città, partendo da Piazza Garibaldi, dove si forma il corteo storico, in cui sfilano, signori, alfieri, dame e podestà, in sontuosi abiti. Questi ultimi sono stati realizzati da abili artigiani e sartorie 


teatrali di Bologna e Venezia. Grazie ad un finanziamento concesso dal MABACT a favore 
delle rievocazioni storiche, sono stati realizzati nuovi costumi di pregio, fedeli al periodo storico rappresentato. Fra i personaggi rievocati vi sono il doge di Venezia Francesco Foscari, Novello Malatesta, allora Signore di Cervia, con la consorte Violante da Montefeltro, il Podestà di Cervia e la dama dell’Anello che indosserà un abito con decori ricamati in oro ed un mantello 


con uno strascico di oltre 5 metri, sorretto da due dame. Come da consuetudine, giovani nuotatori si sfideranno per ripescare l’anello che porterà fortuna per un anno intero alla città e a chi riuscirà a recuperarlo. All’interno della vera d’oro, che rimarrà al nuotatore più scaltro, è stata incisa la data della festa, mentre lunghi nastri, uno tricolore ed uno con i colori di Cervia, il giallo ed il blu, consentiranno di seguire la traiettoria durante il lancio in mare. L’assessore 


alla Cultura Cesare Zavatta, ha dichiarato. “Lo Sposalizio del mare è sicuramente l’evento culturale più identitario della nostra città. Siamo riusciti ad arricchirlo e ad incrementarne la qualità rappresentativa e rievocativa grazie ad una efficace progettualità che ci ha permesso di intercettare fondi appositamente dedicati. Inoltre, l’approvazione di linee guida specifiche che disciplinano il corteo storico, contribuisce a dare maggiore ufficialità al corteo stesso”.

                                        Giuseppina Serafino

Commenti

  1. Ci siamo stati due anni fa, un paese che amo molto e complimenti a te per questo racconto

    RispondiElimina
  2. Pur essendo molto vicino non ho mai sentito parlare di questo evento che deve essere proprio bello! Queste tradizioni scaldano il cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così...tradizioni che scaldano il cuore e che invitano a riscoprire luoghi considerati scontati.

      Elimina
  3. Sono sempre molto affascinata dalle tradizioni locali e dalle leggende, soprattutto se si tratta di mare. Non conoscevo questa ricorrenza importante e solenne di Cervia, accogliente cittadina. Mi piacerebbe molto assistere. Speriamo in futuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta se riuscirai a conoscerla direttamente, assaporandone il fascino.

      Elimina
  4. Non conoscevo nei dettagli questa festa, sembra davvero suggestiva! Sono stata tante volte a Cervia ma non sono mai capitata nel momento giusto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me capita di essere in alcune località nei momenti meno opportuni.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

In bici a Colonia, lungo il Reno

Dolcissimo Natale

“Il dio degli Incroci. Nessun luogo è senza genio”