Il magico incanto del Villaggio La Francesca


Esiste un angolo di Liguria, una sorta di isola felice fra le Cinque Terre e Bonassola, in cui assaporare un senso di pace appagante per le molteplici suggestioni che lo contraddistin-    guono. A meno di tre ore dalle grandi città, il Resort La Francesca offre lo spazio ideale, “distanziato e sicuro”, per progettare una vacanza all’aria aperta a picco sul mare, in uno scenario fantastico. La struttura dispone di 55 tra appartamenti vacanze e villette indipendenti, con ingresso autonomo, disseminati in un parco di 15 ettari-quasi 1000 mq a testa per 


osservare il volo dei gabbiani, seguire le tracce dei caprioli, fra intensi profumi di erbe aromatiche. Il Villaggio si affaccia su una piccola baia di ghiaia tra gli scogli dove è possibile “isolarsi”all’insegna del pieno relax.Nell’estate del 1953 una signora milanese, Gloria Bortolotti de Poli, giornalista e scrittrice, cercò nella Liguria di Levante un luogo dove concretizzare un suo sogno, creare uno spazio turistico non invasivo rispettoso dell’ambiente. Lo trovò in un spazio incolto denominato La Francesca, luogo storico abbandonato, poi miniera, che dopo 


circa 5 anni di duro, lavoro diventò uno dei primi villaggi turistici in Italia, ora gestito dall’infaticabile Marco, figlio di Gloria. La Francesca si schiude sul mare con tre piccoli golfi, ad ovest del Parco Nazionale marino delle Cinque Terre. Non si sa se i muretti a secco che sorreggono la strada che conduce al mare della Francesca rientrino nei 42.000 ettari di terrazzamenti censiti in Liguria. Si sa di certo che vennero posati circa 70 anni fa da una famiglia di contadini originari di un comune montano della provincia di Frosinone e che 


rientrano di diritto nell’arte dei muretti a secco, dichiarata dall’Unesco “Patrimonio immateriale dell’Umanità”. 
Alla Francesca esiste un Museo “en plein air”, infatti in una specie di agreste “hotel gallery” è possibile ammirare sculture, formelle, bassorilievi, statue di diversi artisti e scultori presenti in musei e collezioni private italiani. La scultura più imponente è la Deposizione di Timo Bortolotti, in marmo bianco di Carrara, che domina il Resort dalla “Cappellina”- insieme ad un ritratto giovanile in bronzo di Gloria, figlia di Timo e “creatrice” 


della Francesca. Le figure antropomorfe e zoomorfe in pietra serena, davanti al parco giochi e alla Reception, sono di Maddaleni scultore naif scoperto da Gloria sulle montagne della Garfagnana. Per pedalare in tutta tranquillità, ammirando il fantastico scenario circostante, niente di meglio che percorrere la Ciclopedonale Maremonti, chiamata così dopo un concorso effettuato nelle scuole locali. Essa inizia a Levanto , nei pressi di Vallesanta sul lungomare, e prosegue verso Bonassola seguendo il tracciato della vecchia ferrovia; si trova in gran parte in galleria ma vi sono alcuni tratti all’aperto come quello in corrispondenza del ristorante 


Rosadimare de La Francesca, che domina dall’alto su un tracciato pianeggiante ed illuminato. Gli squarci delle gallerie si aprono su piccole calette dalle acque cristalline con spiaggette accessibili anche ai cani. Oltre che a Bonassola la pista procede verso Framura per un percorso complessivo di 5,5 km.
Dopo anni di chiusura, a seguito del grave crollo del 2012, è di alcuni giorni la notizia di un ripristino e della riapertura della Via dell’Amore con uno stanziamento di circa 16,5 milioni di euro. Si tratta di un sentiero panoramico che strapiomba ad una trentina di metri sul mare, 


interamente scavato nella roccia , come collegamento provvisorio tra le stazioni di Manarola e Riomaggiore negli anni 20 e come deposito per gli esplosivi utilizzati sulla galleria della linea ferroviaria Genova- La Spezia. Il sentiero diventò una meta per i giovani innamorati anche a seguito della collocazione di una serie di panchine dedicate a personaggi mitologici e a poeti che con i loro versi hanno cantato l’amore. La Francesca, per la sua struttura e i suoi grandi spazi, è il luogo ideale per una vacanza in tutta sicurezza, distanziata sul mare delle 


Cinque Terre. Vengono applicate scrupolosamente le norme anticovid, consentendo uno sconto del 10 % a chi prenota entro il 10 aprile. Per cancellazioni dovute a cause di forza maggiore, viene convertita la somma già pagata in un voucher per un successivo soggiorno. Un’altra buona notizia è che è stato prorogato al 31 dicembre 2021 il Bonus vacanze, ovvero l’incentivo creato come sostegno alle famiglie, con un ISEE non superiore a 40.000 euro, mediante un bonus del valore di euro 500 da utilizzare nelle strutture italiane a 


prenotazione diretta. La Francesca accetta il bonus e consente di effettuare una rilassante vacanza, beneficiando di wifi gratuito in un ambiente confortevole e silenzioso, con terrazze dotate di vista mare. I single non pagano di più ma ottengono uno sconto del 20%. 
La Francesca rientra a pieno titolo nei luoghi del cuore riconosciuti dal Censimento del FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano): gli splendidi tramonti, lo sguardo che si perde sulla superficie di un mare cristallino in luminose giornate di caldo sole, e l’abbraccio di una vegetazione densa di profumi mediterranei, sono il prezioso auspicio per una vacanza indimenticabile.

Per informazioni: info@lafrancescaresort.it  

                                                                                              Giuseppina Serafino


Commenti

  1. Posto che sembra magnifico, mi hai fatto venire una voglia prepotente di andare, per la sua location e per il percorso da fare in bici. Prendo nota!

    RispondiElimina
  2. Wow mi ha colpito molto questa descrizione! Ora vorrei proprio essere lì!

    RispondiElimina
  3. Che posto
    Stupendo! Adoro
    Le Cinque Terre e avevo già progettato di tornarci con i bambini! Speriamo di riuscirci questa primavera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un posto davvero stupendo in cui ritrovare tanta pace e un impagabile contatto con la natura.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Dolcissimo Natale

Viaggio tra i borghi europei più belli

Kufsteinerlaind d’incanto