La Via sostenibile del Tirolo

                                                                                           


Il Tirolo mira a promuovere lo sviluppo sostenibile a sostegno della crescita ecologica, economica e sociale. Sul territorio si rilevano buone pratiche di sostenibilità e il nodo cruciale del turismo è la mobilità a cui si lavora per favorire il trend delle vacanze zero carbon footprint. Si va dal cibo regionale alla condivisione delle offerte di attrezzature sportive, all’accessibilità delle montagne con i mezzi pubblici. Chi ama la natura incontaminata può fare una vacanza in 


uno dei cinque paesi alpini effettuando escursioni, arrampicate, giri in mountain bike o bagni nei laghi di montagna. Il progetto “Clean Alpine Region” sostiene le regioni turistiche tirolesi ad implementare misure di protezione del clima, di sviluppo nel settore dell’energia rinnovabile per diventare regioni più virtuose e rispettose del clima. In prima linea ci sono le consapevoli aziende del Tirolo, gli hotel biologici che attirano gli ospiti con prodotti regionali, il birrificio che 


si sta avvicinando alla neutralità di CO2 e la metropolitana più alta del mondo che dà accesso ad un villaggio alpino senza auto, oppure l’escursionismo nella Kaunertal che tiene conto di ogni condizione climatica. Un altro punto di forza del Tirolo è il paesaggio rurale con svariate aziende agricole di piccole e medie dimensioni. Più di 2.000 pascoli  forniscono inconfondibili specialità tirolesi come latte , formaggio o prodotti a base di carne, destinati ai ristoranti 


locali. Le aziende associate alla “Cultura delle locande tirolesi” condividono l’amore per la cucina tradizionale tirolese, per la genuinità dei prodotti utilizzati in agricoltura, dall’acqua ai boschi ed un’attenzione speciale per l’atmosfera e l’architettura autentica. Alcuni hotel, come il Naturhotel Waldklause  sono riusciti a costruire coerentemente in  modo ecologico: viene usato legno locale e l’isolamento è in lana di pecora tirolese. Nella Zillertal, il riscaldamento a 


pellet “Natural hell”, i sistemi fotovoltaici e solari vengono utilizzati per generare energia nel campeggio sostenibile. Le aziende partner del Parco Nazionale Alti Tauri stanno promuovendo tecnologie per il risparmio idrico, la riduzione di plastica ed alluminio. L’hotel Stern sull’Altopiano di Mieming offre uno sconto per gli ospiti che arrivano “green”, mobilità ecologica in loco e un gioco climatico che sensibilizza alla sostenibilità. Ci  sono anche ottimi 


esempi nel Wilder Kaiser:” l’upcycling del turismo” riguarda l’ammodernamento creativo degli alloggi obsoleti, anziché smaltire soltanto il vecchio magazzino di 
mobili. Una vacanza in Tirolo  fornisce una fonte di benessere individuale ma, nel contempo, anche  a coloro che interagiscono sul territorio fornendo soluzioni alternative ad un modo di vivere massificante  e dispendioso sotto ogni punto di vista.

                                           Giuseppina Serafino

Commenti

  1. Ecco, quando leggo queste cose mi rendo conto che certi luoghi sono davvero più avanti di altri....

    RispondiElimina
  2. Meta bellissima che ha deciso di puntare su una sostenibilità che ancora in pochi di fatto reputano necessaria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono degli importanti "apripista"...ammesso che altri vogliano seguirli in queste scelte.

      Elimina
  3. ... peccato che adesso queste strutture sono chiuse a causa della pandemia. ma é vero tutto quello che spieghi. Io abito a Merano (BZ) ed é così. E' proprio come dici tu. grazie del cobntributo. Speriamo nella riapertura. ciao

    RispondiElimina
  4. Grazie per questa preziosa testimonianza.

    RispondiElimina
  5. Turismo e sostenibilità se vanno di pari passo è x me una cosa grandiosa! Grazie x questa segnalazione.. me la segno..l'Alto Adige ci manca come meta a tre purtroppo.. ma spero di poterci andare presto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Dolcissimo Natale

Viaggio tra i borghi europei più belli

Kufsteinerlaind d’incanto