91° Fiera del Tartufo Bianco d’Alba

                                                                             

                                                                           
Fervono i preparativi per la 91 esima edizione del Tartufo Bianco d’Alba, il cui tema sarà “Connessi con la natura” ovvero  la sfida della sostenibilità che si affianca alla centralità dell’enogastronomia. Si tratta di una decisiva svolta  che mette in risalto temi come quello della tutela ambientale, del cambiamento climatico e della sostenibilità, anche dal punto di vista socioeconomico. Da sempre la Fiera , che quest’anno si terrà dal 9 ottobre al 5 dicembre, 


valorizza e promuove il Tuber magnatum Pico, frutto della terra, la cui raccolta è condizionata dai mutamenti climatici. Fulcro della manifestazione sarà, come sempre, il Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, parallelamente alla rassegna Albaqualità, all’interno del Cortile della Maddalena. L’Alba Truffle Show , nella Sala Beppe Fenoglio, offrirà seminari di Analisi sensoriale del Tartufo avvalendosi dell’estro creativo di grandi firme della cucina nazionale ed internazionale che cureranno  i Foodies Moments dei  numerosi show cooking; le 

                   

degustazioni di tartufo verranno impreziosite da Wine Tasting Experience dedicate ai grandi vini di Langhe, Monferrato e Roero. Particolarmente apprezzate sono risultate le cene insolite in location  a sorpresa. Saranno tanti gli appuntamenti  con realtà vinicole d’eccellenza,  in attesa della Global Conference on Wine Tourisme, che nel 2022 vedrà Alba capitale mondiale dell’enoturismo, ospitando il forum promosso dall’UNWTO, l’agenzia delle Nazioni  Unite  che si occupa di turismo sostenibile. Oltre alla ormai consolidata partnership con il Consorzio Alta 

Langa DOCG e il Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, farà il suo debutto  in Fiera il mondo dello Champagne. A fine ottobre si terrà per la prima volta l’Asta en  primeur del Barolo, promossa dalla Fondazione CRC, in cui verranno battute le barrique prodotte dalla Vigna “Cascina Gustava”, nei pressi del Castello di Grinzane Cavour. Nel primo fine settimana  di ottobre si ripresenterà il Weekend del Folclore, con il tradizionale Palio degli Asini e le attività promosse dalla Giostra delle Cento Torri, mentre il 16 e 17 dello  stesso mese,


nelle piazze del centro storico  si terrà il Baccanale del Tartufo. Il 25 ottobre il Tartufo Bianco approderà alla Corte di S.A.S  Alberto di Monaco, in un esclusivo evento presso lo Yacht Club di Montecarlo, alla presenza del principe; nel segno dell’internazionalità ci saranno eventi  in Svizzera, a partire da Verbier, fino ad arrivare all’Expo di Dubai del 1 ottobre. Dopo il debutto dell’anno scorso, tornerà il Truffle Hub, sede distaccata della Fiera presso il Castello di Roddi, trasformato in hub digitale territoriale che si porrà come vetrina per le eccellenze


enogastronomiche piemontesi, impreziosite da cene “ a quattro mani”, fra chef del territorio e alcuni di tutta la regione. Una tradizione ormai consolidata è quella della celebrazione del Tuber Primae Noctis, il Capodanno del Tartufo in cui si brinderà all’avvio alla cerca per i trifolao. Allo scoccare della mezzanotte del 21 settembre a Moncalvo andrà in scena una pièce teatrale scritta dalla Scuola Holden, dedicata alla narrazione del Tartufo, in collaborazione con il Centro Nazionale Studi tartufo. Altro importante evento sarà l’Asta mondiale del tartufo, con 


intento benefico, al Castello di Grizane Cavour- sede dell’Enoteca Regionale Cavour, che recentemente ha visto l’inaugurazione del Museo open air “In Vigna”- Il 14 novembre Hong Kong, Mosca Singapore e Dubai si contenderanno  i lotti più ambiti di Tartufo Bianco d’Alba. Non mancherà l’attenzione al design con “Giacomo” è la spazzola da tartufo, immaginata da Job Smeets che ha scelto l’immagine iconica del “naso” di  Giacomo Morra considerato 


l’ideatore della Fiera Tartufo Bianco d’Alba , realizzandola con  il brand italiano Gufram. Il 91° della Fiera sarà affiancata da un ricco calendario di eventi culturali come mostre d’arte, quali “Burri- la poesia della materia “ voluta dalla Fondazione Ferrero; una novità sarà la collaborazione con il Castello di Perno e il collettivo The Musketeers, che legheranno la cucina all’arte, promuovendo la rete dei ristoranti stellati aderenti all’iniziativa e creando un museo 


diffuso di arte contemporanea.  Per concludere, occorre fare 
un cenno allo sport  con l’ ATP Finals di Torino, dal 14 al 21 novembre in cui il gotha del tennis mondiale si sfiderà, in concomitanza con altre discipline come quella del golf. Il sindaco della città di Alba, Carlo Bo ha affermato : “La natura ci dona il pregiato Tartufo, a noi non resta che preservare questa meraviglia, in attesa di consegnarlo alle generazioni future”. info@fiera del tartufo.org

                                   


                                                  Giuseppina Serafino

Commenti

  1. Bellissima la Fiera del Tartufo di Alba!!!! Speriamo quest'anno di poterla vedere!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tempi di svolgimento sono molto lunghi quindi...inizia a metterlo in agenda!

      Elimina
  2. Mi è sempre piaciuta questa fiera del tartufo, che io adoro, e spero di riuscire a non perderla quest'anno!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

In bici a Colonia, lungo il Reno

Dolcissimo Natale

“Il dio degli Incroci. Nessun luogo è senza genio”