Castagnate in Lombardia

                                                                           


Tempo d’autunno, di splendidi giochi cromatici in cui perdersi fra  foliage che sembrano straordinari  creazioni d’autore. Tante le destinazioni presenti in Lombardia per effettuare bellissime castagnate con un occhio attento agli scorci naturalistici circostanti. Per iniziare si parte dal Parco di Montevecchia e della Valle del Curone, in cui è d’obbligo una sosta al Santuario della Beata Vergine del Carmelo.Si  imbocca sulla sinistra il sentiero dell’Oliva, 


costituito da una ripida mulattiera, che attraverso tipiche coltivazioni terrazzate, conduce alla piazza di Montevecchia. Si prende per un tratto la strada panoramica, per entrare in un bosco di castagno in località Ghisalba, attraversando a mezza costa la sponda destra della valle del Curone. Si imbocca poi la stradina che scende in Valle S.Croce dove si nota il grazioso nucleo rurale con la chiesa. per arrivare alla località Monte e poi Missaglia. Si passa ora alla zona del 


Lago di Como, ai confini con la Svizzera, presso il Lago di Lugano. Si tratta di un’escursione che non presenta particolari di difficoltà. Si parte del Rifugio Boffalora, raggiungendo San Fedele d’Intelvi, verso Pigra.  Si procede su un percorso asfaltato che via via si addolcisce sino ad arrivare all’Alpe di Lenno, e al Rifugio Venini; si prosegue verso il Monte Crocione, passando dalle antiche postazioni della Linea Cadorna. Qui si può, con una deviazione, raggiungere la 


cima del Monte Calbiga (m. 1698) che, nelle giornate limpide, consente una vista splendida al gruppo del Bernina e al Monte Rosa. Dalla croce del Monte Crocione (m 1640) si può spaziare con lo sguardo su uno straordinario panorama sui rami del Lago di Como e sulle cime delle Grigne. Per chi volesse  abbreviare il percorso è consigliabile recarsi in auto fino all’Ape di Lenno,  nei periodi di bassa stagione. Un ‘altra zona particolarmente suggestiva per la raccolta 


del “pane dei poveri” è la zona di Varese, al confine delle due province il Parco pineta di Appiano Gentile, esempio unico di pineta pedemontana a pino silvestre. Viene suggerito di seguire in particolare il percorso del San Giorgio che parte da Vedano Olona. Il parco si estende tra le province di Como e Varese su 60 km di lunghezza, percorribili a piedi e in mountain bike, si possono praticare anche attività di equitazione e Nordic Walking. Da notare 


che sono presenti anche sentieri accessibili  ai portatori di disabilità.Un’altra zona particolarmente ricca di castagne è Marone sul Lago d’Iseo, presso le Piramide di Zone, una splendida località geologica della Valcamonica, nei pressi di Cislano di Zone. Le altissime guglie di terra possono raggiungere i 30 metri altezza e si trovano in una riserva pubblica, facilmente fruibile. L’ideale sarebbe poter fare tante scorte di preziosi frutti autunnali ma se ciò non avvenisse ci si può considerare fortunati per le tante preziosità ambientalistiche accostate.

                                                                    Giuseppina Serafino

Commenti

  1. Purtroppo conosco poco la Lombardia e non ho mai visitato questi luoghi. Mi salvo il post però perché adoro fotografare i colori autunnali!

    RispondiElimina
  2. che luoghi meravigliosi, tutti da scoprire

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tirano, crocevia delle Alpi

Tradizioni autunnali italiane

Halloween una festa contagiosa