Tradizioni autunnali italiane


Tante le tradizioni autunnali che animano le tiepide giornate in attesa dei rigori invernali. Usanze spesso legate ai ritmi ancestrali della terra e della sua produzione agricola per celebrarne il suo valore e le fatiche che l’hanno affiancata. In Valle d’Aosta, l’ultima domenica di settembre, si preparano lunghe tavolate solennemente imbandite con libagioni di ogni sorta. Le Sagre principali sono la Festa delle Mele a Gressan e la Mele Vallée ad Antey-Saint André. 


In Piemonte, a Marentino, in provincia di Torino, si celebra per tre giorni la Fiera del miele, con centinaia di produttori in esposizione, oltre alle varie “Feste del vino”. Fra le centinaia di ricorrenze in Lombardia, si possono citare la sagra delle patate di Lazzate, quella delle “offelle”, un biscotto ovale tipico del pavese, a Parona, la sagra della Paciarela, una torta campagnola tipica di Gessate e il palio del pane. Da menzionare le varie sagra dei crotti, dei  luoghi ricavati


 in anfratti rocciosi, come in Valtellina, o ad Albavilla, in provincia di Como, in cui si degustano con grande felicità del palato, vini, salumi e formaggi tipici. In Trentino Alto Adige la festa d’autunno prende il nome di Torggelen e si celebra in tutto l’arco pedemontano per condividere il vino della prima spremitura accompagnato da canederli, speck, zuppa d’orzo, salsicce, crauti e caldarroste. Ad allietare i momenti goderecci spesso ci sono musiche e danza tradizionali. 


In Emilia Romagna, oltre al “Gran Galà del Tortel Dols “ a Colorno, vi sono le varie sagre dedicate al maiale con “november porc”. Scendendo verso le Marche, l’Abruzzo e e il Molise si trovano feste che celebrano fagioli e cotiche come quelle di Fratte Rosa, vicino a Pesaro oppure a  Monte Porzio in cui gli enoappassionati possono assistere a fasi contadine di preparazione del vino. In Campania si celebrano zucche e nocciole come a Giffoni Sei Casali o 


a Scafati. La Lucania festeggia la castagna con la cosiddetta sagra della “varola”. In Puglia ad essere celebrati in particolar modo sono le olive , l’olio e le orecchiette come a Latiano, in provincia di Brindisi, a Sannicandro, in provincia di Bari, e a Palagiano, in provincia di Taranto, in occasione della festa della “Madonna della Stella”, in cui cucina e spiritualità diventano una cosa sola. In  Sicilia, a Leonforte, in provincia di Enna, si può gustare la fava larga in 

tutte le sue varianti. La Sardegna riscopre i sapori locali con l’Autunno in Barbagia  dove è possibile ritrovare le essenze di un territorio non sempre generoso ma particolarmente intense.

                                                      Giuseppina Serafino

Commenti

  1. Adoro queste manifestazioni, mi fanno amare ancora di più l'autunno 😊

    RispondiElimina
  2. ecco perchè amo questo periodo dell'anno!!!!

    RispondiElimina
  3. Quante meravigliose sagre ed eventi si tengono in Italia in questo periodo! Peccato non poterci partecipare

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tirano, crocevia delle Alpi

Tutto FOOD 2021