Buona Rinascita



Buon Natale a chi vorrebbe sentirselo dire. Nella calca di gente piegata sul proprio cellulare. Per strada, a tavola. Sulle affollate metropolitane. Su una scia di parole gridate, non si sa se come inno esasperato od esasperante. Su volti intrisi di vane domande ad inutili riposte che ognuno sa che darebbe invano. Tacere…come una sorte di morte interiore nel mare di una vita che chiede solo di essere vissuta? Come fare non si sa ma...basti pensare ad un semplice cellulare che potrebbe non esserci più….Buon Natale…con la rugiada nel cuore e con i germogli di virgulti che ci chiedono di essere osservati per vivere ancora, per emanare la struggente sinfonia di colori e di profumi delicati che li contraddistinguono. Di boschi autunnali in cui camminare, con il fruscio di foglie secche chiamate a nuota vita  dal nostro passo di antichi viandanti. Buon Natale con lo sguardo che osserva da alture di monti  su specchi lacustri, per ritemprare nuove energie creative, pensieri che volano fugaci alla ricerca di un limite che dia sollievo al nostro inquieto planare. Buon Natale, alla ricerca di appaganti cammini interiori. Buon Natale cari lettori!

                    Giuseppina SERAFINO  
(ringrazio Alfredo per la cortese collaborazione)

Commenti

  1. Bellissima, un augurio stupendo, grazie ❤

    RispondiElimina
  2. Speriamo davvero che questo Natale possa donarci quelle energie creative di cui hai parlato e quei pensieri che ci aiuteranno a volare lontano.
    Maria Domenica

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

In bici a Colonia, lungo il Reno

Bulgaria sconosciuta

“Il dio degli Incroci. Nessun luogo è senza genio”